10 motivi per frequentare un corso pre parto

corso pre parto

E dopo avervi raccontato le 10 cose che non vi dicono ai corsi pre parto, ecco a voi…

I 10 motivi per i quali invece dovreste frequentare un corso pre parto:

1) vedere donne incinta più grosse di voi

Oh, si diventa tutte megattere, si sa.

Ma quanto fa bene all’umore vedere un pancione veramente fuori misura?

Un culo che è il doppio del nostro?

Sì, non è politicamente corretto dirlo, ma tutte da gravide abbiamo bisogno di conferme e vedere qualcuna messa peggio di noi, ‘fanculo se fa bene all’umore!

Sì, ci saranno pure quelle più fighe, ma quello è il prezzo da pagare e poi, oh, sicuramente saranno incontinenti. Tié!

2) sentirsi meno paranoiche

Quando sarete circondate da donne che faranno domande su aspetti che voi nella vostra paranoia più spinta non avete MAI considertato, vi sentirete mene ansiose.

Scoprirete di non essere quelle panzone necessitanti un Lexotan che credevate di essere.

O almeno capirete di non essere le sole.

3) sbavare sui mariti altrui

Che si sa la donna incinta ha l’ormone galoppante (io mai, ma così si dice…) e un bel vedere riempie sempre l’animo.

Quale migliore occasione di vedere tanti uomini di una fascia di età compatibile tutti in una volta?

Sì, dai, tanto sarete innocue, si sa, è giusto per far ballare un po’ l’ormone dai.

Che poi tanto le mutande per terra le lasciano tutti, via.

 

4) raccattare gadget

I corsi pre parto generalmente sono punti che vengono inondati di gadget dalle aziende che producono prodotti destinati al puerperio.

Raccatterete coppette assorbilatte, assorbenti post partum, adesivi auto “Bebè a bordo”, campioni di salviette, pannolini, tisane, integratori e qualunque altra cosa vi venga in mente.

Lì c’è.

5) accattarsi sconti

I corsi pre parto diventano anche punti di spaccio per la fornitura di sconti per tutte le cose di cui sopra.

Interessa uno sconto per un corso per la rieducazione del perineo?

Bah, forse, boh… Intanto accatta, su!

Serve uno sconto per i Pampers?

Non so… Dai, intanto accatta su!

 

E fu così che dopo i punti 4 e 5 sarete più o meno come “Sepolti in casa” in onda su Real Time e su Sky.

Presente?

6) avere il lasciapassare per la sala parto

Che, non morivate dalla voglia di prendere confidenza con la sala parto?

Io onestamente no, ma molte sì: ecco che il corso vi apre qualunque porta, anche quella della sala dove darete alla luce il neonato. Il che, non si sa perché, per molte è tranquillizzante, per altre ansiogeno.

E se fate il cesareo?

E vabbé che puntigliose siete, su! Date un occhio lo stesso, via!

Così magari al prossimo giro…

7) scroccare consulenze su qualunque cosa

E quando vi ricapita più di avere a vostra disposizione un’ostetrica,. magari un ginecologo, magari uno psicologo, magari una puericultrice?

E di poter fare tutte le domande che avete sempre voluto porre?

“E quindi la mia sindrome di abbandono potrebbe derivare dal fatto che mia madre mi scordò quel giorno all’asilo, secondo lei dottore?”

“Ma saremmo qui per parlare del parto…”

“Ah, già… Scusi…”

Presente?

8) entrare in un gruppo Whatsapp di future mamme e neomamme

Siete pronte?!

Il gruppo non tace MAI.

Prima del parto perché è fomentato da ansia, agitazione, gioia, terrore, insonnia, ormoni e tutto quel meraviglioso “chissà che succederà”.

Nel periodo dei parti sarà un continuo: E quindi?

E allora?

Ancora niente?

Notizie nulla?

Ma è ancora in travaglio Gina?!

Oddio l’ossitocina nooooooo!

E’ nato! Ecco la foto!

O cazzo è maschio! Ma non era femmina?!

Pare le abbiano dato 5632 punti alla patata.

Cose così, insomma…

Dopo la nascita diventa n gruppo di mutuo soccorso h 24, sempre aperto come i Carrefour 24/7. Come le neo mamme, appunto.

9) scambiarsi ansie

Porca troia non avevo pensato alla possibilità che mi si rompessero le acque mentre ero in volo!

Oh merda… E chi aveva pensato all’effetto del caffè!

Nooooo, giuro che non sapevo che il piccante potesse arrivare al bambino!

Nuuuuu, daiiii, non mi ero posta il dubbio che potessi non arrivare in tempo all’ospedale e partorire in così poco tempo!!! Dovrò cambiare ospedale?

Presente?

10) farsi delle nuove amiche

Esiste un modo più facile?

Esiste un momento nella vita in cui siamo più vulnerabili e allo stesso momento aperte verso il mondo? Esiste un momento della vita in cui ci piace di più e abbiamo più bisogno di scambiare informazioni e condividere?

Vedrete che comunque vada, sarà bellissimo.

E ansiogeno.

 

 

 

Tags from the story
Written By
More from Klarissa

Cose che non si dicono

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail Quando non ero mamma sentivo dire ai bambini cose che,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *