PRIVACY ONLINE: COME TUTELARCI? Qwant, il motore di ricerca a tutela della privacy

Le mamme sono attente alla privacy dei loro figli, soprattutto quando si tratta di immagini: la questione foto on line sì o no è dibattutissima, e ci sono diverse mamme che non postano alcuna fotografia dei propri figli per proteggerne la privacy.

Questa attenzione però tende a calare quando i figli crescono.

Privacy on line

Da un questionario realizzato da FattoreMamma e Qwant, a cui hanno risposto oltre 1200 persone, è emerso che il 27% degli intervistati si dichiara molto attento al tema della privacy online e il 62% “abbastanza attento”. Fortunatamente questa percentuale aumenta considerevolmente se si tratta di bambini: il 63% degli intervistati dichiara di essere molto attento e il 33% abbastanza attento alla privacy online del proprio figlio.
La fonte principale di preoccupazione per i genitori sono soprattutto i social (per il 69%), seguiti dai motori di ricerca (15%).

Pubblicità e profilazione

Avete presente quando andate a sbirciare quanto costa la borsa dei vostri sogni e poi ve la vedete riproposta in ogni dove ogni volta che accedete a internet? Dalla posta a facebook, state certe che vi comparirà ogni secondo, a ricordarvi che sarà solo un sogno.

Fastidioso, no?

Il 66% degli utenti è infastidito dalle pubblicità proposte sulla base delle precedenti esperienze di navigazione e il 72% è contrario alla raccolta di informazioni durante la navigazione a scopo di profilazione.

La netta maggioranza vorrebbe che non ci fossero dispositivi di tracciamento o cookie finalizzati a proporre pubblicità diverse a seconda del profilo dell’utente senza memorizzazione delle precedenti ricerche.

Se si parla di minori, poi, l’83% vorrebbe che il motore di ricerca  eliminasse automaticamente dai risultati contenuti potenzialmente inappropriati e per il 63% dovrebbero essere privilegiati i contenuti con un valore pedagogico, valutati dagli esperti.

La soluzione esiste, ed è il motore di ricerca Qwant

Tutte queste richieste sono in realtà già esaudite: esiste un motore di ricerca made in France che ha appena fatto ufficialmente il suo ingresso in Italia: Qwant.

Qwant ha come scopo primario tutelare la privacy di chi lo utilizza, prevedendo un modello nettamente contrapposto a quello dei principali motori di ricerca che campano raccogliendo informazioni sui propri utenti per poter distribuire al meglio gli spazi pubblicitari.

Le ricerche effettuate tramite Qwant restano invece completamente anonime, e si otterranno risposte neutrali alle richieste, poiché non sono filtrate da un profilo personalizzato dei propri utenti.

Nessuna pubblicità mirata e basata sulle vostre precedenti ricerche vi perseguiterà per giorni, quindi.

Come si mantiene? Con la pubblicità, ovvio, ma pubblicità neutra, uguale per tutti, legata alla parola chiave e non a voi: nessuna inserzione verrà ad inseguirvi per giorni come la caponata di Zia Luigia.

Quando utilizzi il motore di ricerca di Qwant, non viene installato nel browser alcun cookie o altro dispositivo di tracciamento e non viene conservata alcuna cronologia delle ricerche effettuate e tutte le ricerche sono assolutamente anonime grazie alla dissociazione dall’indirizzo IP, in conformità con le raccomandazioni del Garante Privacy.

Nessuna sorpresa quindi, e nessun rischio che i vostri figli incappino nelle vostre ricerche poco opportune (senza pensar male, io sono sbiancata quando Alessandro ha aperto internet e subito è apparsa la pubblicità del gioco che avevo ordinato per Natale).

L’utilizzo è molto semplice. Basta selezionare Qwant come motore di ricerca, dopodichè fate la vostra ricerca.

Potete scegliere di vedere tutti i risultati:

solo i risultati web:

O i risultati social

Qwant Junior, poi, è l’unico motore di ricerca concepito appositamente per bambini e genitori. I contenuti potenzialmente inappropriati sono automaticamente eliminati dai risultati delle ricerche, e la scheda «Educazione» mostra prima i risultati che hanno un valore pedagogico, valutato dagli esperti.

Installare Qwant è semplicissimo: potete scaricare l’apposita app gratuita per IOS o Android per i dispositivi mobili, per i pc invece digitate Qwant e selezionate l’icona blu che vedete nelle foto “passa a Qwant”.

#Qwant #Switchtoqwant

 

 

 

Tags from the story
Written By
More from Morna

Quando mi sento una brava mamma

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailE dopo il mio outing sulle mie abitudini da pessima madre,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *