Post di una domenica con ponte

Oggi è l’ultimo giorno di 4 giorni di “vacanza”, purtroppo non certo baciati dal sole.
Inizio a chiedermi se non siamo in realtà nel mezzo del secondo diluvio universale, un diluvio che uccide per sfinimento e non per annegamento. Non ricordo in vita mia una sequenza così insopportabile di giorni di pioggia e freddo, da esaurirsi proprio.
O forse è tutto reso più pesante dal fatto di avere dei figli… “prima” starmene a casa sul letto a leggere  o vedere film non era, in effetti, così devastate.
Comunque, siamo riusciti a passarci un bel ponte sereno.
L’unico giorno di bel tempo, siamo stati a Ortinparco, a Levico Terme, una bellissima manifestazione che si tiene ogni anno nel bel parco asburgico di Levico, che viene allestito con orti e giardini ed ospita fiori e piante di ogni tipo. Ovviamente non mancano laboratori a tema per i più piccini e favole sotto le piante ombrose.
Il parco è stupendo, e merita una visita.
Purtroppo ho scordato la batteria della mia Canon, ma eccovi comunque un assaggio della bellissima giornata

scritta fatta di ortaggi
una casetta deliziosa e… sana!
particolare del davanzale

che ci sarà dentro?

  

Oggi invece abbiamo sfidato i presagi di una giornata orrendamente uggiosa partecipando ad una passeggiata enogastronomica in giro per le frazioni. Partiti alle 10, con tempo che prometteva tempesta, siamo tornati alle 3, stremati. 
Abbiamo fatto bene a sfidare il clima avverso: alla fine abbiamo preso, fortunatamente, solo poche gocce d’acqua, e qualche raggio di sole, ma siamo davvero soddisfatti di questa gita imprevista. Ancora più soddisfatti visto che l’alternativa era probabilmente rinchiudersi in casa. La fortuna aiuta gli audaci!
I bimbi si son diverti come i matti, immersi nelle sabbie mobili nel fango, a rincorrersi nei prati fradici e a saltare nelle pozzanghere. Vi risparmio le condizioni in cui siamo rientrati a casa.
Ecco qualche foto.

eppure è primavera

un vaso… naturale

  

e per finire..un bel bianco! A la santé!

ovviamente non possiamo chiudere che con le vostre frasi:
Laura: Ore 7,15, Luca, 2 anni, dopo la colazione a tavola con mamma guarda Peppa mentre mamma si prepara. 7,20..” Luca, vieni a lavarti che facciamo tardi all’asilo.. “.. “no mamma, sto guardando Peppa”.. “luca, dai amore sbrigati, facciamo tardi..” “mamma insomma, LA VITA É MIA”.. o_O

Francesca: sulla scia di un comico di made in sud giorgia 4 anni esordisce con questa canzone “papà dorme sempre sul divano, papino si addormenta sul divano, papy dorme sul divano”. la canzone si intitola PAPÀ PIG

Claudia: “ghinghi” cit. Gaël

Ragazzo, dopo che hanno tolto la corrente “mamma, se mi dai una scatola io ci entro dentro, prendo una pila, la accendo e ti ripeto quello che hanno detto al telegiornale, così puoi finire di vederlo. Ma solo se mi ricordo quello che hanno detto.

Written By
More from Morna

Cara mamma lavoratrice che ti senti in colpa…

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailPerchè la mattina esci e tuo figlio ancora dorme. Perchè devi...
Read More

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.