Fenomenologia della mamma: la Mamma Protagonista

La Mamma Protagonista non si regge.
Non s’affronta proprio.
Non è innocua, no, lei appartiene alla specie delle Mamme Moleste.
La Mamma Protagonista è quella che già al parto, passata l’emozione, tornata in sé, si scoccia perché l’interesse è tutto per ciò che da lei è uscito e non per ciò che resta: lei.
Nessuno a dirle quanto è stata brava o che noti che già sta tornando in forma a 2 ore dal parto.
Non lo vedono?!
La Protagonista spinge la carrozzina con aria trionfante e attende complimenti.
Non al bimbo.
A lei.

La Mamma Protagonista peggiora mano a mano che la creatura cresce e l’attenzione su di lui/lei scema.
Scema l’attenzione, ma scema anche lei.
Nel primo caso si tratta di un verbo, nel secondo di un insulto.
La Mamma Protagonista ti comunica che l’ultima festa per bimbi a cui siete state insieme non le è piaciuta.
Ah no? E perché mai (pensi tu, che non ti entusiasmi mai per le feste per bimbi, salvo per quelle, benedette, in cui c’è il prosecco libero e, magari, ghiacciato)?! La bimba non si è divertita?
Ah, non so, ma IO non mi sono divertita.
La Mamma Protagonista si infila in qualunque danza, gioco, momento di qualunque festa e alla mamma della festeggiata tocca fermarla prima che si infili le orecchie da Minnie  e spenga le candeline dei 4 anni ringraziando per Barbie Magia dei Fiori.
La Mamma Protagonista porta la figlia a danza e ci tiene a comunicartelo.
Oh, fantastico, brava. E alla piccola piace?
Troppo tardi. Partita: “Oh, come non potrebbe piacerle?! E’ mia figlia! Io era una ballerina di prima fila. Solo per un soffio non sono stata prima ballerina alla Scala e bla bla bla. E solo perché ho preferito studiare, altrimenti ora sarei bla bla…”
La Mamma Protagonista arriva alle nanofeste pronta per scatenarsi nella baby dance.
Appena sente della musica, eccola esibirsi in danze sfrenate.
Per fortuna, prima che salga su un tavolo a mo’ di cubista, la mamma di Josè risponde al telefono: ops, era la suoneria, non una botta di salsa e merengue.
La Mamma Protagonista prende la parola ad ogni riunione, in genere per fare una domanda che le consenta di raccontare qualcosa di sé. Raccontare. non è il termine adatto, no, più corretto “dare sfoggio di sé”.
Come fa?
Dai che lo sapete. E’ fantastica. Ci riesce con cose tipo: “volevo capire che tipo di progetto creativo state portando avanti con i bimbi di 3 anni. No, perché IO, con mia figlia, in genere dipingo/uso i sabbiarelli/scolpisco il David di Donatello/riproduco la Cappella Sistina – però più bella – e anche la Gioconda, ma la mia, di Gioconda, ride bene, mica si limita a quel mezzo sorriso da mentecatta”.
E’ una maestra, niente da dire.
Sposta l’attenzione su di sé, sempre e comunque.
E noi, cretine qualunque, che ci sforziamo – magari non riuscendoci sempre, eh – ma almeno ci sforziamo, di contenere l’ego a beneficio di quello che dovremmo contribuire a rafforzare e a sviluppare.
Pore fesse!
Written By
More from Klarissa

Non per e’ per gufarvela, ma…

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailGenitori di bimbi… diciamo dai 4/5 anni in su, a me!...
Read More

7 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.