Ricetta per una meraviglia

Prendete due grandi occhi scuri come la notte, ma brillanti come la notte più stellata che abbiate mai visto. 

Aggiungete due chiappette sode per km di corse, ore di salti, qualche settimana di capricci. 
Mescolate con una curiosità che l’infinito è meno sconfinato, con un amore per tutto e tutti, una gentilezza al limite dell’incredibile. 
Metteteci anche una testa dura, durissima, che potreste giocarci a bowling! 
Salate con delle lacrime di stanchezza, di delusione, di sconforto. E addolcite con un pizzico di “ti amo tanto, mamma”. Anche più di un pizzico. 
Decorate con ore e ore a camminare, frasi irriverenti e divertenti, erre alla francese, tante gonne e tanti merletti. 
Fatevi aiutare da maestre adoranti e amici innamorati.
Lasciate cuocere per cinque anni.
E avrete lei. 
La meraviglia. 
La mia Penelope.
Auguri di cuore, bambina incredibile.

Written By
More from Anya

La pulizia? Fosse quello. Vogliamo parlare delle manie?

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail Il post sulla pulizia e l’ordine mi ha fatto venire...
Read More

10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.