Ode al riciclo

Non è politically correct, vero, ma qualcuno deve pur dirlo.
Eccomi!
Lo dico io.
Sarà la crisi, sarà che ci dipingono il Pianeta sempre più moribondo,  sarà la consapevolezza e la preoccupazione per il futuro date dalla maternità, sarà che l’essere Green e il mangiare cose coi nomi strani, meglio se ignoti, fa molto figo, il web pullula di idee per il riciclo.
Wow, fantastico, figo.
Sì, ma la povera mamma che prova ad attuare gli spunti di cui sopra, deve esserne anche materialmente capace, deve avere un minimo di creatività, di manualità, via!

Perché non tutte siamo dotate di mani d’oro, anzi!
Alcune di noi hanno delle mani di tolla che più tolla non si può.
La cosa che va detta è che alcune, davvero,  non se ne rendono conto.
E inondano il web di foto di cacate.

Roba che quando le vedi non sai se sia il pre o il post riciclo.
La cosa incredibile è che solitamente alla foto dell’orrore seguono una serie di (falsi ed ignobili) commenti del tipo:
Ma che bello!
Ma che brava!
Che meraviglia!
Hai delle mani d’oro!
No, hai delle mani di merda.
Qualcuno glielo dica, per pietà. 
Fatela smettere!
Magari non di riciclare, che fa bene al Pianeta, ma almeno di fotografare le sue cacate, che farebbe bene ai nostri occhi.
Poi ci sono quelle magari anche brave, ma che ormai riciclano qualunque cosa, raggiungendo vette inesplorate  

http://www.indusladies.com
essenziale, eh?

di inutilità (quando è più inutile il risultato del riciclo che l’oggetto da cui è partito)

https://letsgochipper.files.wordpress.com
mmmmmm….

                          di ridicolo   

http://www.discussgroup.co.uk
 bella, eh?

di bruttezza  

di conati: non so voi, ma a me il riciclo del rotolo di carta igienica mi mette sottosopra lo stomaco. 

Per prima cosa, parliamo della blasfemia del riciclo dei rotoli interni di “cartapecculo” (come l’ho sentita chamare al super di zona) reimpiegati per farne…

angioletti

 

http://worldinsidepictures.com

e, peggio ancora, il…

presepe.

mewarnai.us

Pora Maria…poro Giuseppe…

vi prego. 

Già hanno procreato senza aver consumato, almeno ricordiamoli con affetto, su sfondo dorato, in statuetta in argento, in legno, in gesso…

ma in rotolo di cartapecculo no, io vi prego.

E terminiamo con una riflessione profonda.

In alcuni bagni, anche assai rispettabili, mi è capitato di non trovare i rotoli di cartapecculo esattamente intonsi…a volte i bambini, a volte non voglio sapere chi o cosa, ma, ecco…io non posso dimenticarmelo.

http://www.hellowonderful.co

E quando vedo i rotoli 

riciclati 

in forma di portacaramelle

http://cf.iheartnaptime.net

                                 o di portaconfetti

ecco…

io avverto del malessere.

Il Pianeta è moribondo.
Noi mamme siamo sfrante.
Dobbiamo proprio darci il colpo di grazia con questi orrori? 

Pace e bene, amici.

Love.
Written By
More from Klarissa

Fenomenologia della mamma: la mamma creativa

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailIdentifichi la Mamma Creativa già in nursery, nel post parto, nonostante...
Read More

10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.