Le 10 cose che ci spediscono dirette all’inferno (delle mamme)

inferno
A volte vi sentite delle cattive mamme? Delle mamme mostro?
Delle incapaci? Delle insensibili?
Avete ragione.
E per questo finirete all’inferno con noi. Altro che paradiso!

Perché una mamma merita l’inferno

Ecco i dieci motivi per cui arderemo per l’eternità rovinandoci così la piega del sabato e liquefacendo il tacco 12 con cui ci sentivamo tanto fighe.

1. Per tutte le volte che abbiamo pensato: lo butto dalla finestra

Su su, lo sappiamo benissimo, e a noi potete dirlo. Siamo amiche, ricordate? Non quelle che vi giudicano. E se non era buttarlo dalla finestra, era renderlo, farlo sparire, rimetterlo nella pancia. Giusto? Ma vale anche regalarlo, quando è un pochino più grande (con la domanda, sempre: ma chi se lo prende??).

2. Per tutte le volte che l’abbiamo lasciato piangere

All’ennesimo risveglio, all’ennesimo capriccio, all’ennesima, incomprensibile, crisi. A qualsiasi età, a tutte noi è successo di tapparsi le orecchie e cercare di far finta di nulla. E mentre bruceremo, probabilmente avremo come punizione eterna il pianto di un neonato in loop.

3. Per tutte le volte che abbiamo urlato

Chi? Io? Maestra di zen? RIMETTI SUBITO A POSTO, HAI CAPIIIIITOOOOOOOOOO?

4. Per tutte le volte che abbiamo punito

Non guardi la tv. Non vai dalla tua amica. Fila nella tua stanza! Niente gelato, hai capito?
Quindi ricapitolando: al caldo, con il pianto in loop, e pure in un angolino a vita.

5. Per tutte le volte che abbiamo mentito

Se non vai a dormire subito i mostri che sono sotto il letto si sveglieranno e ti mangeranno! Se non mangi tutto quello che hai nel piatto poi diventi debole e MUORI.
Madonna che mostri che siete.

6. Per tutte le volte che abbiamo goduto della loro assenza

Brutte persone. Vi divertivate, eh, quella mezz’ora chiuse nel water a fingere di fare la cacca solo per poterli mollare al padre senza possibilità d’appello? Ho la diarrea, tienili lontani!
E se poi addirittura siete uscite un sabato sera… Care mie, non avete speranza.

7. Per tutte le volte che ci siamo pentite di essere diventate madri

Questa da sola, care mie, merita il peggiore dei gironi del peggiore inferno. Perché non lo sapete che la donna viene al mondo solo per essere madre? Allora siete degli uomini, controllate meglio.

8. Per tutte le volte che abbiamo preparato i sofficini

Per non parlare di quando abbiamo dato delle caramelle solo per zittirli, o di quando li abbiamo fatti mangiare davanti alla tv. Brave, brave. Si vede proprio che la salute dei vostri figli vi interessa. Al caldo, con il pianto in loop, nell’angolo e a mangiare cavoletti di Bruxelles per l’eternità!

9. Per tutte le volte che li abbiamo piazzati davanti alla tv

E intanto siamo andate a farci la maschera, abbiamo parlato un’ora al telefono con un’amica o ci siamo chiuse in camera con il nostro compagno (zoccole). Quando avrete figlioli rincitrulliti dai cartoni capirete perché vi meritate l’inferno.

10. Per tutte le volte che ci siamo sentite in colpa

Ma da 1 a 10, quanto saremo cretine? Per tuttele pippe mentali che ci facciamo, per tutti i sensi di colpa, i “ma se non faccio così”… Per la vergogna provata quando volevamo soltanto scappare, per il sollievo quando il silenzio arrivava da solo, all’improvviso, dopo un pianto disperato e infinito, per le serate mancate, le scuole da scegliere, i viaggi rimandati, i “farò abbastanza”…

Il nostro più grande peccato è questo: credere che sia sbagliato aver paura, essere un essere umano al di là della maternità, provare emozioni che la società, questa società così assillante, ritiene sbagliate.
Ci sarà un motivo se di mamme Dante parla solo in Paradiso, no?
Written By
More from Anya

10 regali di Natale per un’amica, la sorella, la mamma o la suocera (forse)

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailDicembre è arrivato e ormai la fatica domanda si pone: cosa...
Read More

56 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.