Viaggi: in Perù coi bambini, le foto più belle

perù con bambini

Di tutti i viaggi che sogno di fare da una vita, c’è sempre stato il Perù. Un po’ perché mi piacciono i laghi e volevo vedere il Titicaca, un po’ perché il Machu Picchu era qualcosa di mitico, un po’ per i lama e le tovaglie coloratissime. Ma onestamente non pensavo che ci sarei mai andata: la mia passione per i viaggi non aveva mai vinto la mia paura dei voli transoceanici, ma ci ha pensato la vita a portarmi al di qua dell’Atlantico. E figuriamoci se avrei mai immaginato di fare un viaggio in Perù con le bambine! E invece l’abbiamo fatto: la nostra vacanza estiva 2016 è stata proprio in questo meraviglioso paese.
Non farò nessuna recensione, ma vi lascerò solo qualche appunto nel caso foste arrivati qui alla ricerca di informazioni (per tutto il resto, potete scriverci via mail!). Poi lascerò parlare le foto!

Sommario dei contenuti

Viaggio in Perù

Itinerario:

2-4 luglio: Lima
4-6 luglio: Cusco e Valle Sacra
7 luglio: Machu Picchu
8-12 luglio: Lago Titicaca
12-13 luglio: Lima
Età bambine: 4 e 6 anni (nessun passeggino)

Costi

Non posso esprimermi per il volo aereo (da Panama sono poco più di due ore e i costi relativamente bassi rispetto ad arrivare dall’Europa), mentre il soggiorno nel paese è decisamente economico (abbiamo trovato hotel a 50 dollari a notte per quattro o anche meno, e anche coi pasti si spende molto poco). Bisogna considerare la spesa dei voli interni, per spostarsi da Lima a Cusco, da Cusco al Titicaca e dal Titicaca a Lima. I voli possono essere cari se acquistati con Lan, meno se acquistati con la compagnia peruviana. L’unico modo per arrivare a Machu Picchu (ad Aguas Calientes) è il treno (o a piedi tramite l’Inca Trail), e anche quello è ahimè abbastanza caro. Il noleggio auto non è un’opzione.

Tip: le escursioni si organizzano tutte sul posto con i proprietari dell’appartamento o dell’hotel, hanno prezzi molto bassi.
Aguas Calientes è un posto orribile.
Per combattere il soroche, o mal d’altura, meglio prenderla con calma, almeno i primi due giorni a Cusco, e prendere delle pasticche. Noi non ne abbiamo sofferto e dopo le prime due non abbiamo più preso medicine. Le bambine non hanno avuto nessuna reazione, tranne una febbre di Prisci che, iniziata già a Lima, ha faticato più del solito ad andarsene.
Nel mese di luglio il clima è soleggiato e freddo, ma nelle ore di punta a quelle altitudini il sole può bruciare.
Nelle case e negli hotel di categoria media non c’è il riscaldamento, e si sente (le temperature scendono anche sotto zero).
E che dire? Del Perù mi sono rimasti nel cuore i colori, il calore della gente, le lunghe terre arride e i paesaggi lunari, le cascate del Machu Picchu e la quinoa, le foglie di coca e i lama, le guance rosse bruciate dal sole e le schiene cariche di tutto, di bambini, di alimenti, di regali.
È stato ancora più bello dei sogni che facevo.

 

perù coi bambini
Museo Larco di Lima.

perù coi bambini
perù coi bambini
Tessitori all’interno della Valle Sacra.

Perù coi bambini
Resti Inca presso Pisaq, Valle Sacra.

perù coi bambini

perù coi bambini
Mercato di Pisaq, Valle Sacra.

perù coi bambini
Posada del Inca, Valle Sacra.

perù coi bambini
Ollantaytambo, Valle Sacra.


Machu Picchu.

perù coi bambini
Il Perù Rail, il servizio Orient Express per raggiungere il Machu Picchu.

perù coi bambini
Centro di Puno, lago Titicaca.

perù coi bambini
L’auto più diffusa in Perù!

perù coi bambini
Pista d’atterraggio degli Ufo 🙂 Sillustani, nei pressi del lago Titicaca.

perù coi bambini
Casa fattoria nei pressi di Puno, lago Titicaca.

perù coi bambini
La cosa più naturale del mondo 🙂

perù coi bambini
Peruviani che spiegano come si tesse un tappeto, nei pressi di Puno, lago Titicaca.

perù coi bambini
Abitanti delle Islas Uros, sul lago Titicaca.

perù coi bambini

islas uros titicaca


perù coi bambini
Isla Taquile, lago Titicaca.


Incontri al tempio della fertilità Inca Uyo, nei pressi di Puno.
lago titicaca

Written By
More from Anya

Fenomenologia della mamma: la mamma straniera

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail Di mamme straniere ce ne sono due tipi. Quella considerata...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.