I bambini e la magia: Dorothy e le meraviglie di Oz

Essere un bambino è meraviglioso per tanti versi, primo tra tutti per quel saper credere ingenuamente e assolutamente a molte cose, soprattutto se magiche.

Che si tratti di Babbo Natale o del Coniglio Pasquale, della Fata o del Topolino dei Dentini, poco importa.

I bambini si fanno (e, ahinoi,ci fanno!) mille domande sul funzionamento delle cose, sulla realtà dei fatti, sulla vita e sulla morte, ma poi si bevono come niente la scomparsa sotto ai loro occhi della metà del corpo di una donna ad opera di un mago e credono che sia normale che un coniglio bianco possa comparire d’improvviso in un cilindro nero col fiocco rosso.

Ci avete mai fatto caso?


E’ il potere della magia.

Le storie che raccontiamo ogni sera ai bambini sono piene di magia, guai se non ci fosse! Per loro è fondamentale questo aspetto, anche nel quotidiano, e lo vediamo anche nel gioco, in quei “giochiamo che io sono la principessa e tu il principe”: essere quello che non sono per capire chi sono. E’ il processo di formazione della loro identità e osservarlo è un privilegio della cui grandiosità non siamo perfettamente consci.

Domenica siamo stati in un labirinto uguale a quello delle fiabe, fatto di siepi che si stagliavano alte (per i bambini), dove un’attrice che impersonava Dorothy (sì, quella del mago di Oz, da cosa l’avete riconosciuta, esattamente?!)

Percorrendo il labirinto abbiamo via via ritrovato i personaggi del mondo di Oz,

prima Uomo di Latta

poi Spaventapasseri e infine il Leone Codardo.

Il percorso ci ha portato così alla Città di Smeraldo dove sono state proiettate in anteprima le primissime puntate della nuova serie animata “Doroty e le meraviglie di Oz”, in onda da lunedì 23 alle ore 18.35 su Boomerang Tv, canali 609 e 610 di Sky, che sarà preceduta da una vera e propria maratona dedicata al Mondo di Oz, intervallata dall’ormai mitologico film, sabato 20 e domenica 21 sempre su Boomerang.

Sarà che ho un debole per Oz, sarà che sono sempre impazzita per quelle scarpette rosse che basta battere i tacchi et voilà, si compie la magia,

saranno stati la luce di Roma – sempre unica e indimenticabile -, lo stupore negli occhi dei bambini, il rivedere delle amiche e gli allestimenti favolosi

ma la magia l’ho vissuta io.

Post in collaborazione con Boomerang Tv

Tags from the story
More from 50sfumaturedimamma

Cosa c’è dietro a quel buon profumo di Mustela

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailSe vi è mai capitato tra le mani un prodotto Mustela...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.