Lui, lei, l’altra.

Parliamo lingue diverse, non c’è niente da fare.

Cerchiamo punti di incontro, noi donne e loro, gli uomini, perché sì, ce ne devono essere, ce ne sono sicuramente, ma dove?

E quanta buona volontà ci vuole a capirci?

Le differenze principali le si riscontra su certe questioni che niente, non ce la si può fare.

Quali?

Ecco a voi i cliché di sempre, quelli più noti, più o meno veri che siano:

1) le indicazioni stradali

Ci vediamo in via Garibaldi all’incrocio con Via Mazzini.

Dove?!

Dai, via Garibaldi… zona Cavour…

Non mi dice…

Ma dai che ci passi spesso… c’è un incrocio trafficato, una caserma dei vigili…

Ah, dove c’è Gucci, angolo Armani. Potevi dirlo, no?

2) Dove stanno le cose

Sai dove trovo gli asciugamani?

Bagno, mobile basso, scaffale a sinistra.

Dove sono le tovaglie?

Cucina, cassettiera centrale, terzo cassetto.

E la giacca rossa del piccolo?

Cameretta, armadio sinistra, altezza occhi quando lo apri. Ma scusa, possibile non sai mai dove sono le cose?

Non posso sapere tutto, so dove sono le mie!

Amore… I MIEI calzini dove li tieni?

3) L’auto

Questa, spaziosa, bagagliaio capiente, ibrida, consumi limitati, full optional… che ne dici? O meglio quella laggiù, meno spazioso il bagagliaio, ma interni ben rifiniti, non male i cerchioni… Che ne pensi?

La voglio nera.

4) Il pc (ma anche il telefono…)

Allora, questo ha prestazioni migliori, qualità-prezzo imbattibile, guarda che velocità, che prestazioni… Quale prendi?

Quello bianco.

5) Il pediatra (ma anche i vaccini, le assemblee di classe… i bambini, insomma!)

C’è da portare la bambina dalla pediatra oggi pomeriggio, non riesco.

Da chi?!

Dalla pediatra, presente il medico dei bambini…

Ah, sì, ma dove ha studio?

C’è una cosa che mette comunque d’accordo uomini e donne:

La mamma

Nel senso che è la mamma è sempre la mamma?

Sì, ma la propria.

E quella dell’altro o dell’altra?

No, quella no, quella va più o meno così:

Mia madre ci ha invitati a pranzo domenica.

pausa

risposta pronunciata:

Ah… va bene!

(risposta che avresti voluto pronunciare: Che due coglioni!)

More from 50sfumaturedimamma

Ricomincio da me

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailSono diventata mamma per la prima volta poco più di otto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.