Dermatite atopica: come dare sollievo ai nostri bambini

ptr

Quando si entra in casa per la prima volta in tre, si apre la porta non sulla nostra vecchia casa, ma su un mondo totalmente nuovo.

Come andranno i primi giorni o settimane, dipende da tantissimi fattori, il principale è –diciamocelo- la fortuna.

Ci sono bambini che da subito si svegliano una volta per notte e altri che si svegliano ogni 20 minuti.

Ci sono bambini che poppano benissimo e in 20 minuti di beatitudine reciproca si sono saziati, altri che stanno al seno per un’ora agitandosi come matti, tanto da costringere le mamme in casa (chi non ci è passato non può capire l’imbarazzo di vedere un neonato così irrequieto mentre è allattato al seno).

 

Tra le cose che complicano senza dubbio la vita di una neo mamma, anche se se ne parla molto meno che di sonno e allattamento, c’è la dermatite atopica.

Fino al 20% dei bambini ne soffre, quindi un grande numero di genitori si ritrova ad affrontare questo problema che può essere, a seconda dei casi, più o meno grave.  Di solito sparisce spontaneamente entro i tre / cinque anni di età.

Per noi è stato esattamente così.

È insorta quasi subito, aveva circa tre mesi.

Si presentava con delle zone rosse in rilevo, secche e squamose, soprattutto dietro le ginocchia e nell’incavo dei gomiti.

Nei periodi peggiori prendeva tutti i polpacci, la base del collo e gli avambracci.

I neonati non possono parlare, ma era assolutamente evidente quanto fosse fastidioso per lui.

Quando è cresciuto ho potuto capire meglio quanto fosse irritante: mi chiamava in piena notte piangendo e dicendo di non riuscire a sopportare il prurito.

Ovviamente è anche un circolo vizioso, il prurito porta a grattarsi e questo infiamma la zona ancora di più. Non esiste una cura, come non esiste certezza in ordine alle cause.

Di certo ci sono dei comportamenti che possono alleviare i sintomi: usare vestiti morbidi e di cotone, annotarsi quando i sintomi compaiono o si aggravano (io ho notato che con Alessandro si presentavano soprattutto se mangiava insaccati), lavare i vestiti nuovi per rimuovere le sostanze usare per confezionarli, evitare l’ammorbidente, fare bagni veloci o preferire la doccia, evitare di sudare e tenere quindi la temperatura in casa un po’ più bassa. La dermatite atopica di solito si aggrava in inverno, quando si è costretti a vestirsi di più ma tra riscaldamento e sbalzi di temperatura di rischia spesso di sudare, specie la notte.

 

La strategia migliore è tenere la pelle ben idratata, in quanto la secchezza aumenta il rischio di nuove “crisi” e ne aggrava anche i sintomi.

Nei momenti più critici ho dovuto usare creme a base di cortisone, ma è possibile prevenire, idratando la pelle con prodotti che ritardano e alleviano il prurito

Ma non solo.

L’applicazione del prodotto è essa stessa una cura.

È una carezza, che è sempre graditissima ai bambini.

Ricordo certe notti, lui che mi chiamava in lacrime e io che gli passavo con delicatezza un dito sulla zona arrossata: era un sollievo immediato e lo vedevo addormentarsi con le mie carezze.

Per quanto fosse bruttissimo vederlo così sofferente, è oggi un ricordo dolcissimo, un momento soltanto mio e suo, in cui solo io sapevo alleviare il suo fastidio.

Gli ho spiegato di chiamarmi quando non resisteva dal prurito, così gli alleviavo il fastidio senza che peggiorasse la situazione grattandosi fino a sanguinare.

 

Eucerin ha realizzato una linea interamente dedicata alla dermatite atopica che usiamo giornalmente come prevenzione.

Si chiama Eucerin AtopiControl e prevede tutto quello che serve per gestire al meglio e in serenità questo problema.

Per tutti i giorni, l’olio detergente e l’emulsione corpo (che confesso di usare anche io, visto che adoro la texture e come lascia morbida la pelle), per le fasi più critiche invece ci sono la crema “fasi acute” e lo spray anti prurito (quest’ultimo utilizzabile a partire dai tre anni), oltre alla crema per il viso e zone specifiche (gomiti e ginocchia, come capitava e ancora capita, seppur di rado, a noi).

Non solo, Eucerin ha dedicato un’intera aerea del suo sito internet alla dermatite atopica, con tantissime informazioni e molti consigli utili per gestire con amore e dolcezza quella che, con ogni probabilità, sarà solo una brevissima fase della vita di vostro figlio.  Le trovate su https://www.eucerin.it/una-carezza-in-piu/home.

 

Inoltre se vi registrate potete testare la linea AtopiControl: ci sono infatti 500 kit di prodotto in palio, accorrete! https://www.eucerin.it/local/it/una-carezza-in-piu/diventa-tester-atopicontrol

#unacarezzainpiù

 

Tags from the story
Written By
More from Morna

Le mamme dopo il parto

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailVanity Fair ha recentemente parlato di una iniziativa inglese che propone...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.