Di come tante si sentano migliori

Avere un blog ti porta ad esporti più del dovuto. Racconti di te, delle tue abitudini, della tua famiglia, dei tuoi difetti. Almeno, noi facciamo così. Avere un blog come il nostro serve anche a far cadere certi tabù, a dire “ehi, ragazze, tranquille: è tutto normale, succede anche a me”, e poi per fortuna arrivano altre mamme a dire sì sì anche a me, anch’io, siamo tutte così!

È bellissimo ed è l’intento per cui abbiamo aperto il blog, fare rete, aprirsi, sentirsi meno sole tutte noi mamme del mondo (va be’, puntiamo alto).

Poi arrivano loro. Quelle che si sentono migliori. E la poesia finisce. Tu hai scritto un post aprendoti, dicendo la verità, con il solo scopo di dare supporto ad altre mamme, e loro arrivano e ti tirano un calcio in culo per dirti

Sei una merda! Io sono migliore di te.

Racconti quanto hai sofferto per cercare di avviare l’allattamento?

“Per me è stato facilissimo, perché IO lo volevo davvero”

Racconti che non hai mai fatto dormire i tuoi figli piccoli con te?

“Peccato, ti sei persa i momenti migliori, il nostro rapporto è speciale grazie a questo” (true story)

Racconti che sei stanca e non ne puoi più e vorresti emigrare?

“Perché fate figli? I miei figli sono la mia gioia più grande e non potrei mai stare lontana da loro, secondo me è questo essere madre”

Racconti che anche se corri non lasceresti mai il tuo lavoro?

“Io mi sono licenziata per stare con mio figlio, una buona madre deve fare così”

E tutto il tuo lavoro, quello che hai fatto su di te per aprirti al mondo (perché sarebbe più facile mostrarsi sempre fighe e perfette, lo fanno in tante, no?) e quello che hai provato a fare sulle donne che ti seguono, se ne va a puttane così, per il bisogno di competizione e di sentirsi migliori di poche altre, che però contano molto più di altre.

Credo che dentro chi interviene per proclamarsi migliore ci sia un gran bisogno di conferme. Di leggere per iscritto le proprie parole e convincersi così di essere una persona – una madre – migliore. A volte c’è la ricerca di approvazione, si spera che gli altri dicano “wow, che brava”, come se i complimenti di qualcuno su internet valessero di più di quello che pensiamo di noi.

Scrivi “sono grassa” ed arrivano puntuali quelle a dirti “io ho il problema opposto, mangio mangio e dimagrisco!”. Ma cacati, eh.

Scrivi che scleri e urli, arriva quella che ti dice “io mai urlato in vita mia”.  

Ma a che pro, me lo dite? Dov’è l’utilità di rispondere in questo modo, ponendosi un gradino più su, ad una che si sta sfogando in maniera intima?

Vi dico una cosa. Finitela. State sulle palle, siete inutili, non risolvete niente se non gonfiare il vostro moscio ego.

Lasciateci sfogarci, lasciateci sbagliare, lasciateci pentire, e lasciatevi credere di essere migliori altrove.

Grazie

More from 50sfumaturedimamma

Sono una brava mamma?

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail Sono una brava mamma? Ce lo chiediamo, di continuo. A...
Read More

9 Comments

  • Io oggi ho perso la pazienza col mio bimbo non so quante volte nonostante fossi cosciente che era semplicemente stanco ed io un tantino nervosa. Mi sono sentita uno schifo ed una fallita ma poi leggo voi, parlo con mamme che conosco e vedo che succede a tutte e allora mi dico MAL COMUNE……
    Io penso che essere fallibili ed esserne coscienti sia sintomo di intelligenza. Coloro i quali si sentono migliori mi fanno pena perché un giorno sbatteranno la faccia contro la verità rendendosi conto degli sbagli (normalissimi) fatti e accuseranno una bella legnata.

  • Mah., non bisogna prendersela troppo su…
    In fondo i saputelli, o i perfettini esistono in tutti gli ambiti, non solo in quello materno.
    Io apprezzo molto i post dove mettete a nudo le difficoltà e le frustrazioni della maternità… E prendo spunto da questo per riflettere e cercare di migliorare.
    L’esempio dell’allattamento è lampante. Io ho avuto un’esperienza stupenda ma capisco e so che non per tutte va così e quindi mi sento fortunata!
    Credo semplicemente che l’istinto di competizione e di prevaricazione che è intrinseco nell’essere umano sia, per alcune persone, incontenibile.
    Mi dispiace per queste persone perché, per quanto mi riguarda, il mio benessere non dipende dal sentirmi migliore del vicino o degli altri… Ma piuttosto dal guardarmi dentro ed essere sicura di stare facendo del mio meglio per vivere bene io e la mia famiglia!

    • Ma sai, quando lavori per creare armonia e arrivano quelle a dire “sei una merda” (non io, chiunque si apra) ti girano un pochino. Purtroppo giustamente le persone così sono sempre esistite, ora che c’è uno schermo te le dicono in faccia, c’è chi invece ancora spettegola alle spalle, quindi… beati loro che hanno tempo da perdere con chi giudicano poco interessante!

  • Sono mamma da 8 mesi… c’ è una perfettina che passa a salutarmi al mio negozio… si e’ accorto anche mio padre della sua pesantezza… suo figlio è nato 2 mesi dopo la mia, ma lei sa gia’ tutto fino alla puberta’!
    Tanto per iniziare lei non voleva figli fuori dal matrimonio religioso… (e gia’ mi viene da ridere) poi : ” È cresciuto tantissimo questo mese, 1,2 kg!
    Perche’ il pomeriggio non vieni a fare delle passeggiate?!”.
    Io annuisco sempre perchè ormai vivo in mondo tutto mio… ma vorrei dirle la mia e’ cresciuta anche 1,5 kg in un mese ma non lo sbandiero al mondo! Perchè penso che la gioia sia tutta la nostra mentre il popolo puo’ anche dire stica! E poi se vado tutti i giorni a fare le passeggiatine tutte le cose di casa chi me le fa? Visto che ho avuto la brillante idea di aprire un negozio ! Io non ho la tua maternita’ amore… io alle 16.15 devo aprire… e devo pure essere presentabile! Pulita truccata con vestiti puliti e stirati. E quando chiudo la cena per mia figlia deve gia’ essere pronta…
    Piuttosto te dattela una truccatina, gia’ siamo gatti spelacchiati con 3 capelli, dico te, te che c’ hai il marito che cucina e sa fare tutto… 3 minuti per mettere una bbcream e un filo di matita… prenditeli!
    Poi è una di quelle che mentre era incinta :” Ah io ho preso i kg giusti… ”
    Io no cazzo ! Mbè? Pesavo 50 kg per un 1.67 m e ho mangiato l’ impossibile e ho preso 700 kg ! Mbè? Mi mancano solo 5.5 kg e torno come prima, ora sono morbida e ti diro’ che la mamma morbida mi fa dolcezza !
    Mi viene sempre da dire: mbe’?!
    Comunque quando la fa lunga sparo il mio cavallo di battaglia : mia figlia dorme tutta la notte da quando aveva meno di un mese ! Mi fa anche 12 oreeeee!
    Il che non è che sia un merito nostro ma… una gran botta di culo! Ma è lì che lei cade in un silenzio profondissimo e se va… sicuramente scervellandosi e chiedendosi perchè il suo no…
    Comunque , apparte la gente esaltata, essere mamma mi ha dato tanto equilibrio, non credevo che fosse possibile per me! Lei mi sta dando tutto quello che non ho mai avuto! Lei e il suo babbo, un uomo che adesso amo ancora di più e che ci fa tanto ridere anche se e’ pasticcione, (e a volte vorrei staccargli le orecchie) però fa del suo meglio !
    Poi non vorrei parlare di mia suocera… sì sono caduta in questa cosa stupida… mbe’? L’ altra sera dopo una notte da crisi per dentini, una giornata intera di lavoro… te la trovo ancora a casa nostra… alle 19.50! Ma una casa non ce l’ hai ? Appena entro abbraccio forte la mia piccola e lei dice : ” Non dici niente alla mamma ? Hai fatto più feste a me!”
    Stronza ! Ignorante! Scusa tanto se ti ho rovinato la vita portandoti via il tuo unico figlio maschio!
    È così lei non odia me… lei odia quell’ essere che ha prelevato quel figlio a soli 30 anni… ormai ci convivo con questa cosa! Ma è sempre la nonna di mia nipote… respiro e vado avanti. Pensate che gia’ mi ha detto: ” Per carnevale mettile il vestito da clown di suo padre di quando era piccolo !”
    No ma… se la vesto come cazzo mi pare ? Che ne dici? Dopo un aborto devastante e la gioia di questa bambina dolcissima potro’ fare come cazzo mi pare ogni tanto a 31 anni ? Gli anni ’80 sono finiti, la bambina non è tuo figlio, la bambina non è uscita dal tuo utero… rassegnati. A volte a casa dei miei suoceri le toglie la bavagliola per mettergli quella di mio marito che è nel cassetto dagli anni ’80! Io ci rido… ma c’è del patologico!
    E poi… l ‘unico pagliaccio che visualizzo in questo momento è It!

    • Oddio cara… sei arrabbiata! Non te la prendere. Le stronze (soprattutto tra le donne) sono ovunque. Fregatene di chi ti dice quanto pesa quanto mangia quanto caca quanto dorme… rispondi sempre ah-ah, interessante. Se non dai spago (nemmeno alla suocera) prima o poi troveranno un altro obiettivo. E i figli crescono, le cose cambiano, uuuuuh se cambiano!

  • Avete ragione, le cose passano in fretta… così le arrabbiature… infatti adesso che la bimba sta crescendo sto cercando di coinvolgerla (mi riferisco alla suocera ovviamente!) come nonna perchè credo che sia giusto per lei e per la bambina… ma appena esagera la accantono un po’ se no non capisce…
    Ho passato una gravidanza in cui mi faceva osservazioni ,davanti ad estranei, del tipo:” La pancia non ti cresce per niente!”
    Ora… potevo farci una risata ok! Ma venendo da un aborto ed essendo imbottita di ormoni per la seconda gravidanza… mi ha fatto fare qualche pianto con relative paranoie. Poi le persone: ” Sai il sesso ? Come lo /la chiami ?”
    E lei che rispondeva al posto mio dicendo: ” Non lo sappiamo ancora ! “(Utilizzando un NOI che la includeva quindi!)
    E ancora ” La chiameranno… ”
    Ma ti fai i cazzi tuoi? Io come la chiamo lo dico a chi cazzo mi pare!
    Comunque è pieno il mondo di gente che non si fa gli affari suoi e che si sente in diritto di poter dire la sua sempre: non devi svegliarla di notte per il latte; svegliala perchè se prende poco latte poi…
    mi devi dire come la chiami (anche se non hai ancora deciso) perchè voglio farti un ricamo con il nome; dammela la porto a fare una passeggiata la voglio far vedere alla fornaia (detto da una quasi estranea); mia figlia ha sempre mangiato il prosciutto in gravidanza… tu sei egerata; hai ricominciato a fare l’amore ? Guarda che quello scapoccia…
    Poi con i mesi è tutto migliorato pian piano… per fortuna riesco ad essere diretta ma con educazione… quindi va tutto meglio.
    Ah ultima chicca… la saputella del post di prima : “Il parto non è stato tutto questo grande dolore, e comunque il travaglio l’ ho fatto quasi tutto a casa! ”
    No ma dico… che patata c’hai ?

    • Ahahah davvero sei arrabbiata! Concentrati su altro, non ne vale la pena, davvero. Me lo dico anch’io ogni volta che rompono le scatole sul blog (per fortuna io abito all’estero e nessuno si fa i fatti miei nella vita privata, o meglio, chi se li è fatti è anche sparito dalla mia vita!…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.