Le 10 scemenze più comuni sull’allattamento

Allattamento al seno

Attenzione attenzione! Care mamme tettalebane questo post è per voi. Ma anche per tutte quelle ostetriche, infermiere, consulenti, cippalippa, insensibili e non completamente informate (ma, a detta loro, le uniche veramente informate), che ci fanno una testa tanta prima e dopo il parto. Che ci riempiono di “tutte le donne possono allattare” e via dicendo, facendo nascere in noi sensi di colpa, di inadeguatezza, di impotenza, e via dicendo.

E per tutte quelle donne che ci sono passate e no, non sono delle sprovvedute. E per tutte quelle donne che ci passeranno, perché sappiano che potrebbe succedere.

PREMESSO CHE: allattare, dove possibile e desiderato, è la scelta migliore (è anche più green e economica)

La top ten delle cagate sull’allattamento

1. Allattare è la cosa più naturale del mondo

Non so quante volte l’ho detto, prima di partorire, a chi mi diceva che non sapeva se avrebbe allattato. Anche prima di essere incinta. Allattano tutte da sempre, no? E gli animali, come fanno? Beh, sticazzi: non è facile per tutte, fatevene una ragione. E non dipende dall’informazione, dall’aiuto, ecc, dipende da millemila fattori che sono DIVERSI per ogni donna. Perciò, se per voi è stato facile, non date per scontato lo sia per tutte, eccheccazzo.

2. Allattare è la cosa più bella del mondo

Ma anche no. Un tempo era l’unico modo per sostentare un bambino, oggi no. Se una donna sceglie di non farlo, per qualsiasi motivo, non succede niente. Se scegliesse di non amare il proprio figlio beh, quello sarebbe un problema. Ma le due cose NON si equivalgono.

3. Allattare è comodo

Beh sì, quando hai preso il via e devi uscire. E se ti immoli per la causa. Se per caso la notte volessi dormire, sarebbe più comodo il biberon. E non perché dormono di più: ma perché potrebbe darlo il padre, che è genitore tanto quanto te. Quindi boh, dipende dai punti di vista.

4. Allattare crea un legame unico

Che con il biberon non si ha. MA CHE CAZZATA! Forse crea una dipendenza che col biberon non si crea, ma in effetti io che sono cresciuta a latte artificiale non parlo più con mia mamma, eh sì. Per non parlare del rapporto col padre: come fanno i bambini ad affezionarsi a uno che non ha le tette da mungere?!

5. Più allattate meno si ammalerà

È vero che studi scientifici hanno dimostrato che, ma è anche vero che il mondo è pieno di bambini cresciuti a LA che non si ammalano MAI e di bambini allattati che sono sempre malati. Dipende da mille fattori, genetica, abitudini e ambiente compresi, e ormai anche le formule somigliano quasi alla perfezione (quasi) al latte materno (che resta l’alimento perfetto per un neonato e bla bla bla). Ovviamente che il latte materno sia efficace quanto i vaccini È UNA BUFALA.

6. La richiesta di latte si adegua

Certo, come no. In linea di massima è così, è assolutamente il principio del nostro corpo. Ma siamo nel 2018 e il livello di stress delle nostre vite è devastante. È vero che se un bambino si attacca di più, il cervello spinge il corpo a produrre più latte e che la suzione aumenta quindi la produzione, ma è anche vero che ci sono mamme che non possono (non riescono, non vogliono, fatti loro) stare tutto il giorno col bambino al seno, come ci sono bambini che non vogliono stare tutto il giorno al seno (sì sì, ci sono eccome!), mamme che devono stare dietro ad altri bambini e magari non hanno nessuno che le aiuti (come era invece un tempo), che devono rientrare presto a lavorare e via dicendo. Il latte cala, sì, è un dato di fatto.

7. Il seno calma tutto

Col cavolo! Io di bambini che non si calmano con la tetta ne ho conosciuti diversi (uno viveva in casa mia), che più gliela proponi, più loro urlano. A volte hanno solo bisogno di silenzio, di carezze, di dormire, a volte hanno solo bisogno di ciucciare e non vogliono mangiare. È possibile, eccome se lo è.

8. Allattare fa dimagrire

Anche qui… Io avevo praticamente perso tutto col parto, ripreso con l’allattamento. Entrambe le volte sono dimagrita quando ho smesso di allattare. Che per carità, mica è una tragedia. Ma ecco, non credete a chi vi dice “resisti, allattare fa dimagrire”. No, resisti se ci tieni, perché sul domani non c’è certezza, figuriamoci sul dimagrimento.

9. Allattare non rovina il seno

Dicono sia la gravidanza a rovinarlo. Però boh, voi che dite? Io devo dire che ce l’ho meglio di prima, ma ho allattato poco e a orari.

10. Tutte le donne possono allattare

E sennò un tempo come facevano? E sennò gli animali come fanno? E in Africa? Non ci vuole tanto a scoprire come fanno, basta cercare “mancanza latte cagna” e vedrete i risultati. In “mancanza di latte” una donna può rivolgersi a persone qualificate (sceglietele bene) e vedere se la situazione migliora. In genere, sì. A volte, no. Per mille motivi: agalassia, altri problemi ormonali, stress, salute, stanchezza, nessuna voglia di allattare (capita, eh!). Non fatevene un cruccio: siate serene, i bambini crescono con amore e latte, materno o artificiale che sia.

More from 50sfumaturedimamma

#22 #PensaPulito: Idee per un Natale etico e solidale

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailDopo aver passato due anni a Panama, ho capito una volta...
Read More

9 Comments

  • Evviva! Finalmente!
    Per tutte quelle che a 20 mila mesi allattano ancora e te lo propongono come una cosa normale.. no, cara mia.. allattare tuo figlio di 3 anni non è normale!!!
    Io ho fatto una gran fatica a fare attaccare Viola al seno.. ho mandato mio marito la sera alle 10 in farmacia a comprare i paracapezzoli di silicone e con quello siamo riusciti.. ho fatto allattamento misto per 9 mesi da subito perché Viola è nata grande e all’ospedale mi avevano dato subito l’aggiunta! Le coccole gliele ho fatte sia quando allattavo sia in altri momenti.. anche e soprattutto adesso che ha un anno e mezzo e grazie a Dio beve il latte di mucca!

    • Normale? Chi stabilisce cosa sia normale o no? Tu? Io ho allattato mio figlio fino a due anni e adesso ho l’altra bambina di 9 mesi che allattero finché lo vorrà. Non esiste al mondo che allattare il proprio figlio fino tre anni oppure oltre sia sbagliato. Sbagliato è che nel 2019 ormai… Ci siano persone come te a giudicare queste cose. Se nel mio intimo, a letto con mio figlio, gli do il seno per farlo addormentare, sarà un problema mio.

  • come facevano una volta?
    balie, si chiamavano balie.
    mia nonna (anno del signore 1912) era stata cresciuta con il latte di una balia, perchè la mia bisnonna non ne aveva (ah, ma quindi anche nel 1800-1900 capitava??).
    percio’ lei aveva una sorella “biologica” (cresciuta pure lei da una balia, ma è probabile che la mia bisnonna non fosse informata abbastanza, chevvelodicoafare) e due fratelli di latte e questa balia se l’era tenuta in casa per un po’ di tempo.
    a 5 mesi o simili via di latte di capra.

    • Senza andare così lontano, mia mamma è stata allattata dalla sorella, che aveva avuto un figlio a pochi mesi di distanza dalla madre, mentre mia nonna, 45 anni all’epoca, non aveva latte (il perché non lo avesse non sta a noi cercare di spiegarlo, lavorava nei campi, non aveva il tempo di passare tutto il giorno con una bambina al seno).

  • Avete già espresso più volte le vostre considerazioni sull’allattamento… per la mia esperienza personale tutti punti del vostro post sono veri tranne il 9 e il 10, allattare rovina sì il seno ed anche io sono cosciente che non tutte le donne vogliono/riescono. Io ho allattato tutti e tre i miei figli fino un anno e due oltre (sono ancora in ballo) fino ai sei mesi allattamento esclusivo al seno, dai nove mesi quando ho ripreso a lavorare ho alternato seno e biberon (con pappe). Per me è bellissimo, non mi costa niente, i miei bimbi non dipendono dal seno, ma quando c’è… a richiesta! Se avessi avuto problemi non l’avrei fatto e non giudico assolutamente chi non allatta!

  • Care donne mamme amiche e quant’ altro… è tanto che vi leggo e fate parte di me come foste vicine! Vorrei chiedervi, come sempre fate e vi ringrazio per questo, di aiutarci con la vostra ironia e il vostro umorismo a non dare giudizi ne’ etichette. Io allatto la mia bimba di tre anni e mi addolora leggere ” non è normale” . Come mi addolora sentire attacchi feroci a chi sceglie di non allattare. Rispettiamoci, tutte noi abbiamo difficoltà dubbi e paure, storie diverse eppure così simili….vi abbraccio

    • Chi stabilisce cosa sia normale e cosa non lo sia, resterà sempre un mistero.
      Quando mia figlia aveva circa 4 anni voleva sempre la tetta (non era allattata più da tantissimo tempo), e non ti nego che a me faceva molto strano. Non credo sarei stata capace di allattare un bambino così grande e questo per come sono io, non perché penso in assoluto sia sbagliato. Se a te piace, e a tua figlia anche, non credo si possa dire molto altro, no?

  • Certo che le coccole le ricevono ugualmente sia che si allatti al seno sia che si dia il biberon, anche io faccio allattamento misto da quando è nata mia figlia che adesso ha sei mesi ma perché dire che non è normale se si allatta ancora a tre anni? Se mamma e bambino lo vivono come una cosa bella io non vedo il problema, il bambino si staccherà quando sarà pronto, prima o poi lo farà non potrà certo attaccarsi in eterno, oppure sarà la mamma a staccarlo perché non ha più voglia di allattarlo ma perché criticareuna cosa che per me è assolutamente naturale…ognuno fa quello che ritiene più giusto fare!

  • Anche se con quasi un anno di ritardo leggo l’articolo e mi fa sentire un pochino meglio. Oggi, dopo 5 mesi di inferno, ho deciso di passare completamente all’artificiale… Tra le lacrime, e mille sensi di colpa, e tanti dubbi perché non so se ce la farò davvero stavolta.
    Perché fin dai primi giorni in ospedale, poi per tutto il periodo del ricovero in TIN della mia piccola (nata a 33 settimane…) e successivamente tra le donne di casa, mi sono sentita una fallita inadeguata perché non sono riuscita ad essere felice di tirare fuori il seno ogni due ore, anche di notte, e di vedere la mia bimba sempre insoddisfatta, anche con l’aggiunta… Di non sapere quanto la stavo nutrendo, di non riuscire a stabilire degli orari più regolari per la sua, e mia, serenità.
    Stamattina, dopo l’ennesima nottata di angoscia, ho detto basta.. E forse mi sentirò una cattiva madre, anzi sicuramente, ma mai come essere consapevoli con non sto dando a mia figlia i sorrisi di cui ha diritto.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.