Io non lo volevo un fratellino

Posso scommettere che quasi tutti i genitori di due o più figli si sono sentiti ripetere una frase simile:

io non lo non lo volevo un fratellino/sorellina!

Si può restituire?

Per quanto si possa essere preparati, è una frase che spiazza e mette in crisi.

E’ una cosa naturale, il bambino esprime così la frustrazione di avere tra i piedi qualcuno che gli invade gli spazi e gli ruba, inevitabilmente, l’attenzione esclusiva di cui ha goduto fino a poco prima.

Io sono la secondogenita, quindi non ho esperienza di come si possa sentire un figlio fino ad allora unico, ma è evidente che deve essere un evento “forte”: in fondo bisogna dividere gli spazi, il tempo dei genitori, i neonati poi ne pretendono tantissimo, piangono e sono così “inutili” ai loro occhi.

L’allattamento, le coccole, averli sempre in braccio è sicuramente un enorme motivo di gelosia per i bambini.

Tutti (o quasi) i primogeniti confermano che i primi anni sono difficili, con gelosia, invidia, litigate … poi da più grandi si ha invece grande complicità e amicizia.

Ma il tempo passa, l’inutile neonato diventa un bambino, gattona, poi cammina, ride, parla e soprattutto, di solito adora il fratello maggiore anche più di quanto ami i genitori: avete mai notato lo sguardo innamorato di un bimbo, anche piccolissimo, nei confronti del fratello? Non è già questo sufficiente a togliere ogni dubbio?

Cosa rispondere a queste lamentele?

Sicuramente non bisogna arrabbiarsi, ma su questo credo siamo tutti d’accordo.

Bisogna accogliere la frustrazione del bambino, chiedere se ha bisogno di più tempo esclusivo e cercare di ritagliarsi dei momenti solo per lui.

Far capire che il cuore della mamma e del papà si espande ad ogni figlio:

“la mamma e il papà hanno tanto amore da dare e volevano tanto un altro bambino, magari ora ti dà fastidio perché piange o ti ruba i giochi, ma tra un po’ sarai felice di avere un compagno di giochi sempre a disposizione”.

Quando i miei mi chiedono “vuoi più bene a me o a lui?” io a volte rispondo:

“e tu vuoi più bene a me o al papà?”: restano spiazzati e capiscono che c’è amore per tutti e non per forza deve esserci una preferenza.

Tra l’altro dobbiamo ricordarci che un secondo (o terzo o quarto) figlio non è un regalo a loro, ma un desiderio nostro: quindi che lo gradiscano o meno è del tutto ininfluente: restituireste mai il vostro secondogenito?

Ovviamente no! Anzi, di solito è proprio quello che ci fa sentire completi ed appagati come famiglia.

Noi adoriamo il nostro piccolo testone, e mai e poi mai abbiamo pensato che sarebbe stato meglio averne uno solo.

Certo è più faticoso, il tempo è sempre troppo poco, tante volte mi trovo ad affrontare discorsi che vorrei fare senza la presenza dell’altro (specie ora che si avvicina l’adolescenza), mi trovo a fare compromessi o a dirimere litigi.

Ma le lunghe domeniche in casa, le serate al ristornate, le vacanze al mare o in qualche città… come sarebbero state se non avessero avuto l’uno la compagnia dell’altro?

Non possiamo avere la sfera di cristallo, non sappiamo come sarà in futuro, ma l’oggi è questo e nonostante i litigi, le lamentele e i “non lo volevo” la verità è che giocano, litigano, si menano, ma non sono soli, mai.

Hanno e avranno un complice, un testimone della loro infanzia, qualcuno che li supporterà nelle marachelle, qualcuno che ci sarà sempre.

Non agitatevi o intristitevi per un “non lo volevo”, siate grati della fortuna di avere una bella famiglia, riempitevi il cuore del suono delle loro risate.

Quello che possiamo fare è metterci tutto l’impegno ed il tempo che abbiamo, per poter creare un rapporto sereno con ciascuno di loro, poi se diventerà anche “un regalo” al primo è questione anche di fortuna.

Io nel mio lavoro vedo una quantità indicibile di fratelli litigare per questioni ereditarie: è triste, tristissimo, spesso i genitori ci hanno messo del loro con plateali preferenze (50/60 anni fa non era poi così raro) ma certo non mi ha fatto scegliere di avere un solo figlio.

Il piccolo ha 7 anni e ancora mi capita di vedere scene di gelosia (peraltro reciproche) davvero amare da digerire, e sentire frasi tipo “ma perchè l’hai fatto questo qui, non lo sopporto!!!”.

Ma è anche facile, come per tutti, lamentarsi di quello che non va, e non manifestare la gioia di quello che si ha.

Per la maggior parte del tempo giocano assieme, chiacchierano, ridono come matti, inventano storie o scherzi a noi genitori: in questi momenti di certo non vengono a dire “grazie che mi hai fatto un fratello” ma in fondo, nelle loro risate, è come se lo dicessero no?

E non sono forse i momenti più numerosi?

I miei magari si scannano mentre si mettono il pigiama, poi stanno mezz’ora a chiacchierare e ridacchiare, mentre sono nel letto.

Io sto lì, con il cuore gonfio di gioia e penso che sì, questi momenti sono un regalo enorme: per loro e per noi, perché tutte le mie giornate (o quasi, dai 😉  finiscono nella gioia e nell’appagamento totale.

 

 

 

Written By
More from Morna

Ode al figlio unico

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailSì lo so, io sono quella che ha magnificato il secondo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.