La rivincita delle brutte

lady-gaga-bradley-oscar

Lunedì mattina mi sono svegliata e, ovunque, non si parlava d’altro: evviva Lady Gaga e Bradley Cooper! Evviva l’amore quello vero! Fanculo Irina te e le tue foto in mutande!

Io non ho visto A Star is Born, non amo particolarmente Bradley Cooper (per carità, belloccio, ma ho un’età per cui non mi strappo più i capelli di fronte agli attori o ai cantanti, a parte forse di fronte a Michael C. Hall, alias Dexter) e mi mangiavo il fegato a 20 anni o poco più quando aprivo le riviste e vedevo Irina, mia coetanea, semplicemente irraggiungibile. Vedevo lei e guardavo me: era il suo viso a stregarmi e al tempo stesso a flagellarmi tanto da farmi male. Ero cretina, oh, ero giovane.

Mi piace Lady Gaga. Non sono una sua fan, ma ascolto volentieri le sue canzoni e la trovo un genio, simpatica, intelligente, con una presenza top, di certo non bella secondo i canoni classici e di certo non bella finché si vestiva in maniera imbarazzante solo per attirare l’attenzione (altro che vestito lungo degli Oscar… ho lavorato per anni nel gossip e ho visto cose…). Detto questo, una cantante non deve essere “bella”, classicamente parlando. Non deve pubblicizzare intimo e sembrare perfetta. Deve essere brava, scenica, innovativa, controcorrente, e lei tutte queste cose le è, e quando l’abbiamo incontrata a New York per me è stato un piacere, poter spiegare alle mie figlie (che adorano le sue canzoni) chi fosse Germanotta.

E quindi? E quindi avrei dovuto emozionarmi anch’io di fronte al video di Shallow, loro due che si guardano negli occhi. Dire anch’io Lady Gaga tu sì che sei una donna vera e Bradley sarà tuo, mica quella stragnocca di Irina che già è una specie di dea e mica può avere anche Bradley!

RUBAGLIELO! Dai Germanotta, rubaglielo e prenditi una rivincita per tutte noi, più o meno brutte, di certo non Irina, che ci siamo viste lasciare per la gnocca di turno, che abbiamo sofferto le pene, che la vita non ci ha dato né il fisico né gli occhi né la bocca né i capelli e via dicendo e neppure Bradley Cooper! PRENDILO, prendilo per tutte noi!

Peccato che ci dimentichiamo tutte una cosa.

Che quella super gnocca di Irina è una compagna, che sicuramente ama il suo compagno.

E già questo dovrebbe farci riflettere: perché dovremmo tifare contro una donna innamorata?

Secondo, e questo è ancora peggio perché la maggior parte dei messaggi che ho letto erano di madri, Irina è la madre della figlia di Bradley Cooper. Sono una famiglia.

Quindi mi viene un dubbio: se Bradley fosse stato sposato alla non fighissima Germanotta (che poi per me, ripeto, è fighissima, ma di certo non rispecchia i canoni di bellezza a cui tutte ambiscono, su) e avesse duettato con la strafiga Irina, avreste tifato (o SHIPPATO) comunque per i due duettanti? O si sarebbero levate orde di “Irina, brutta zoccola, non toccare il compagno di un’altra!”, “Irina, lascia stare Bradley, è padre!”?

Dai, vi siete risposte da sole.

Le brutte – le grasse, le magre, quelle col naso storto, quelle coi peli, quelle alte e quelle basse, quelle bianche e quelle nere, quelle con la cellulite, quelle con le tette giganti, quelle senza culo e quelle con le smagliature – avranno la rivincita solo quando inizieremo a non calpestare le altre.

A non tifare per le “brutte” contro le belle, a non augurare ad una famiglia di distruggersi, a non parlare male delle altre, a non rosicare.

A fare squadra.

Perché sì, è tutta una trovata pubblicitaria. E siccome Lady Gaga è una grande donna, intelligente, brillante e che è stata per anni con lo stesso uomo (un figo che io boh, altro che Bradley), sono sicura che in questo momento si starà scambiando consigli su quali mutande nuove di Intimissimi comprare con la nostra Irina.

Che, per inciso, anche se viene lasciata da Bradley, resterà sempre più gnocca di tutte noi.

E se ne troverà pure uno meglio.

Written By
More from Anya

I figli rompono. Ed ecco come!

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail Quando abbiamo osato dire che i bambini rompono le palle,...
Read More

1 Comment

  • Posso esprimere un giudizio? secondo me dietro i tanto strillati gossip e le speranze delle fan non c’è la dietrologia della brutta che ce la fa, che lo conquista contro la top model, ma la speranza, tutta della commedia romantica con il suo lieto fine, che supera il film e continua della vita reale.
    Perché se fosse veramente basata sulla rivendicazione della brutta che ce la fa non avrebbe senso per due principali motivi che per me sono questi 1. Germanotta non è brutta per niente, anche se non conforme al canone modella 2. Germanotta è lontana anni luce dal prototipo cenerentola o sfigata, è lontana anni luce dalla donna comune.
    Quindi non so quale donna oggi si possa rivedere in lei. Piuttosto è facile rivedersi nel personaggio da lei interpretato. Concludo dicendo che c’è un gigantesco malinteso per cui la fan media ha sostituito il personaggio con la persona e si augura una conclusione solo per quello, e del resto la moglie, per quanto bella, non era tra i personaggi del film…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.