Lui non mi aiuta. Però io lo faccio meglio.

mio marito non mi aiuta
Lui non mi aiuta

1) come lo faccio io, non lo fa nessuno

Non è che non sia vero, perché ognuno di noi fa l cose in un modo preciso in cui solo lui le fa, certo, ma non è detto che come le fa qualcun altro sia peggio.

“Lui non mi aiuta”. No, non glielo permetti.

2) faccio le cose meglio di chiunque altro

Lo credi tu.

E se anche fosse vero, ha importanza?

Se nella gara a chi carica meglio la lavastoviglie vinci tu, significa che nessun altro può farlo anche se lo fa meno bene?

E anche se lo fa meno bene, non ti è comunque utile?

Lo è. E se non lo apprezzi devi farti 2 domande.

“Lui non mi aiuta”. No, non glielo lasci fare come vuole.

3) Fatto è meglio che perfetto.

Il letto è fatto male? Ha delle pieghe? Sicura che sarebbe stato meglio perdere il tempo che puoi usare per una telefonata a un’amica per fare il letto?

Trovare il bagno lavato ti disturba se non è stato lavato alla perfezione?

Sicura che una mezzora in più per te valga il potersi specchiare nel cesso?

Non è meglio trovarsi il letto fatto e il wc pulito, che perdere il tuo tempo per trovarti la casa perfetta?

A chi importa che sia tutto perfetto?

E perché ti importa? Cosa devi dimostrare? E a chi?

“Lui non mi aiuta”. No, non lasci che faccia.

4) Se fa le cose lui, mi tocca rifarle.

Tanto vale…

Tanto vale fartele da te.

Credi che tu abbia stirato le camicie alla perfezione dalla prima volta che lo hai fatto? O ne hai indossate di un po’ stirate e un po’ no per qualche tempo prima che fossero perfette?

Non lo ricorderai, ma non è umanamente possibile che tu abbia saputo fare qualunque lavoro casalingo fin da subito inmodo perfetto. Lo sai, vero?

E allora, se tuo marito lascia 3 aloni sui vetri, la volta dopo ne lascerà 2 e magari la decima volta che li lava saranno più splendenti di come li lasci tu. Non credi?

Lascia che faccia, non demotivarlo e non dargli scuse.

Ci perdi solo tu.

5) Se fa le cose lui ci mette 2 ore.

E mi dà ai nervi.

Ma perché? E’ del suo tempo che si sta parlando. Leggiti un libro, fatti le sopracciglia, una maschera idratante, costruisci un grattacielo con tuo figlio, ma che te frega se ci mette 2 ore a lavare i piatti?

La casa e i figli sono di entrambi ed entrambi ce ne si occupa.

Ognuno a suo modo.

Nessuno ha l’esclusiva.

E se proprio ci tieni ad averla, allora invecchia tra stracci e wc spendenti, ma non lamentarti: gli altri hanno una vita imperfetta da vivere col sorriso.

More from 50sfumaturedimamma

Tu che sei nata dove c’è sempre il sole

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail Tu, tu che non sapevamo se saresti mai arrivata. Tu,...
Read More

2 Comments

  • Quanto buon senso… Peccato che molte donne pretendono:
    1) cose fatte senza chiedere;
    2) cose fatte secondo il loro preciso modo;
    3) cose fatte quando vogliono loro.

    Quindi fanno tutto loro perché incapaci di delegare, per poi lamentarsi che è tutto sulle loro spalle. Non fa una piega, in effetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.