Chi l’ha vista: la mamma desaparecida

mammucca-portatrice

Bazzico il giro delle mamme da un po’ e ricordo che, quando ho partorito, era un tripudio di mammucche. Poco tempo dopo, spuntavano come funghi le portatrici, tanto che ne hanno fatto pure una professione (?).

Poi c’erano le eco-bio, ammetto di averne fatto un po’ parte pure io, che ora grazie alla piccola Greta stanno avendo un rigurgito non da poco, con quintalate di donne che comprano i pannolini bio però su Amazon e portano i figli a scuola in auto per 100 metri però con la merenda HiPP nello zaino.

C’erano lotte di ogni tipo. Copertine di giornale dedicate a queste mamme che allattavano fino all’università, come fosse che so, tipo essere il primo presidente nero degli Stati Uniti: valeva una copertina. C’erano gruppi su Facebook (sì sì, ci sono ancora, ma all’epoca ricordo che giravano screenshot manco fossero giornalini porno) di ogni tipo, ma il più famoso era sicuramente “Noi che allattiamo anche dopo i 6 mesi”, dove dopo sei mesi significava tipo 67 mesi. C’erano forum dedicati dove se per caso dicevi che non avevi latte venivi bannata a vita, non senza averti prima insultato per bene per la tua incredibile ignoranza, capra: il latte ce l’hanno tutte. Questa era la versione 2009-2010, poi è diventata “il latte ce l’hanno tutte tranne un 1% che per motivi fisici bla bla bla” e ora siamo più su un morbido “il latte in teoria ce l’hanno tutte ma poi ci sono tante condizioni”.

In pratica ‘ndo son finite tutte le tettalebane? Di sicuro non su 50 sfumature di mamma.

Dove sono finite pure quelle perfette? Dove sei mamma perfetta? Io sono veramente in crisi per questa cosa. Almeno prima aprivo internet e avevo il tempo di deprimermi. Mi dicevo: guarda lei: è bella, è magra, è sorridente, è felice, sa fare le torte, fa i lavoretti, lavora ma ha il tempo per la famiglia e via dicendo.

Ora apro internet e mi sento un mix tra Michele Obama, Madre Teresa di Calcutta e Beyoncé. Tutte si ritengono madri di merda. Essere madri perfette, o che aspirano alla perfezione, è diventata una vergogna, tipo ammettere che ci si siede sulla tavoletta nei bagni pubblici. Adesso infatti avrete voglia di commentare “ma io davvero non mi ci siedo” come vorreste commentare “ma io davvero sono una madre di merda“.

Adesso devi cercare di non tagliarti le vene (o non tagliarle a chi leggi), mentre leggi che: non sanno cucinare (quelle poche volte che lo fanno, sennò asporto o Mc); tengono la casa un porcile; se non lavorano non hanno tempo per niente, se lavorano non hanno tempo per niente; hanno 10kg in più; coi mariti è uno schifo e poi ci sono sempre le suocere; coi figli pure peggio.

Ridatemi le madri perfette, vi prego! Dove le avete messe???

Non vedo nemmeno più fasce, fascette e mazzette. Io che ho tenuto le figlie addosso per anni perché mi servivano le mani e odiavo il passeggino e che sono arrivata troppo in anticipo alla moda (avevo solo una fascia, che pivella!) ora quasi mi sento sola. Forse ora va di moda il papà portatore? Lasceranno il lavoro pure loro per fare i consulenti del portare? Affaire à suivre.

Insomma, dove sono finite tutte? Adesso vedo solo mamme influencer.

E quasi quasi preferivo le mammucche.

More from 50sfumaturedimamma

La mamma vista dall’uomo

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailSiamo sempre qui a parlare di come noi mamme vediamo gli...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.