Come si organizza una mamma che lavora e non ha aiuti

essere una mamma che lavora

Lo so che a molte casalinghe non piace sentirselo dire, ma è possibile lavorare full time o quasi senza avere aiuti (o quasi) e io lo dico.

E non lo dico per smentire le casalinghe, ma lo dico per tutte quelle mamme che si fanno queste domanda e vengono dissuase dal pensiero di continuare a lavorare dalla fatica e dalla quantità di “è impossibile”.

No che non è impossibile.

E’ difficile essere una mamma che lavora e non ha aiuti, ma non è impossibile, non in tutte le città almeno.

Io non ho suoceri, non ho più mio padre, ho mia madre che non abita vicino, ma nemmeno lontano, ma che ha 4 nipoti, 3 figli e 2 bisnonne di 92 e 93 anni a cui pensare, oltre che a se stessa, dopo una vita di lavoro e che quindi non è alle mie dipendenze. Chiaro che in caso di vera emergenza, prima di prendere un giorno di malattia bimbo non retribuita (che tutti abbiamo) sento lei.

Lavoro ora 35 ore a settimana, 7 al giorno più pausa, che fa 8.

Prima ne lavoravo 8 al giorno, più pausa, che faceva 9, stando fuori casa 10/11 ore.

Ho un marito e non ho paura di usarlo.

E poi ho il blog che pare brutto dirlo, ma porta via ore, a volte giornate, ma a fronte di guadagno.

A me, non so a voi, i soldi servono e il blog mi piace, perciò non rinuncio.

E quindi niente, faccio quadrare anche quello.

Organizzare il tempo: come farlo

Quando si è una mamma che lavora e non ha aiuti è fondamentale sapere organizzare bene sé, il proprio tempo, ma pure quello di figli e, se necessario, il tempo del padre dei vostri figli. Ma come? E’ adulto! Si organizzerà pure da solo, no?

Sì, certo, ma se non ci si interfaccia e incastra e se lui non sa che impegni ho io e lui non sa che impegni ho io non si va da nessuna parte.

E se preferite il (finto) femminismo alla vostra felicità, libere di farlo.

Ma come fa una mamma che lavora e non ha aiuti?

Come far collaborare tutti

Io del (finto) femminismo me ne sbatto e non ho neanche il tempo di occuparmene, perché sono una mamma che lavora e non ha aiuti, dunque se per stare bene devo anche chiedere a mio marito esplicitamente di prendere un figlio o l’altro e portarlo qui o lì o di fare la spesa, io lo faccio.

E che veda di farlo.

Questo non perché glielo chiedo io, ma perché i figli sono di entrambi, la casa pure, quindi può sempre occuparsi di trovare una persona al posto suo che lo faccia, basta che quella persona non sia io. Può ordinare la spesa su Amazon o Walà o dove crede se non ha tempo di fare la spesa, basta non lo chieda a me.

No, non sto ad aspettare che mio marito veda la polvere da solo, se vedo la polvere io e non ho 10 minuti per spolverare non ho che da aprire la bocca senza attaccare con quelle lagne del tipo “possibile che lui non veda la polvere/il bagno sporco/il cesto dei panni pieno/il wc da lavare?!” o “Ora aspetto finché non se ne accorge e non pulisco, vediamo quanto dura!” o cose del genere. Io parlo: “c’è da spolverare, quando hai un minuto, fallo, grazie!”.

Sapete che c’è? Funziona.

E sapete che finisce per farlo anche lui? “C’è da svuotare la lavastoviglie, non ho tempo, fai tu?”.

Ognuno fa quel che può quando può e nemmeno abbiamo più chi aiuti in casa.

Tenere in ordine

Durante la settimana si tiene ragionevolmente in ordine e si fa il necessario.

Poche cose per casa:

se avete casa invasa, fate un decluttering o non sarà MAI in ordine e non avrete MAI tempo per fare NIENTE, io ve lo dico.

Le cose tipo “preferisco stare con i miei figli che riordinare casa” mi fanno ridere: se siete veloci e avete poche cose, una cosa non esclude l’altra. Se casa vostra pare la bottega di un rigattiere, certo che quello che dite ha senso, ma fossi in voi, mi farei due domande.

Si mette in ordine tutti, senza guardare chi fa cosa, quando, come e perché.

Si fa tutti quel che serve: mia figlia di 2 anni sa far partire la lavastoviglie. Per dire.

Organizzare i bambini

Questo è un annoso problema.

A Milano è facile: scuole pubbliche 7.30/18, comunali, dal nido in avanti.

Non posso dare lezioni, però vi dico la verità: dove si vive molto spesso è una scelta.

io questa città l’ho scelta, vengo dalla provincia.

Tante mie amiche hanno lasciato Milano per la provincia per avere la casa più grande, ma non hanno i servizi base e la vita diventa un casino.

Beh, io preferisco la casa meno centrale, meno grande, ma in città e con i servizi, perché non ho aiuti, mi manca pure di non avere servizi!

Tutto è frutto di scelta. O quasi.

Anche la scelta della vita bucolica se lavori full time per me ha poco senso:

se devi uscire di casa alle 6 e ci torni alle 21, è bucolico il posto in cui hai la residenza, ma non quello in cui stai, perché semplicemente non ci stai.

E i malanni?

Si usano i congedi, esistono, non sono pochi e vi rivelo una cosa: li può prendere anche il papà, sapete?

E se non sono pagati?

Si useranno il necessario.

E anche sul lavoro parlate, spiegate, chiedete: le aziende migliorano anche con le richieste dei dipendenti.

E se serve si prende una babysitter per le emergenze, per il periodo che servirà: averne 2 o 3 fidate da poter chiamare in caso di emergenza è sempre una buona idea.

E’ facile per una mamma che lavora e non ha aiuti?

No, per niente.

Ma se volete farcela, ce la farete.

E tutti voi, bambini e genitori, avrete imparato che la felicità si costruisce giorno per giorno, ognuno la propria e insieme quella di tutta la squadra:

perché voi siete una squadra: la migliore squadra dove giocare il campionato della vita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

More from 50sfumaturedimamma

La mamma: il genitore più importante, l’essere umano meno importante

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemail La mamma è il genitore più importante. Certo, perché porta...
Read More

6 Comments

  • Bravissima! Quello che emerge dal tuo post e che è una sacrosanta verità è che la vita ci pone davanti a numerosi cambiamenti e se vogliamo stare bene, essere felici e sereni, dobbiamo adattare le nostre abitudini, magari svegliarci qualche ora prima di quando avevamo vent’anni ed eravamo child free, oppure spiegare al marito che la coppia di sposini in luna di miele è diventata una famiglia e bisogna spartirsi le imcombenze di tutti i giorni. Io ho scelto di lavorare part-time, mio marito ha un lavoro in proprio che gli porta via tante ore quindi sono ovviamente più a disposizione dei bimbi, il mio secondo lavoro infatti è fargli da autista (ah ah ah) dato che abitiamo in campagna e dobbiamo muoverci in auto quasi per qualsiasi cosa. Sono stra fortunata ed ho anche i nonni a disposizione per le emergenze! Ma se dovessi sceglieredi lavorare full time, i tuoi consigli saranno davvero utili!

  • Questo articolo è solo verità e vedo tanta infelicita e frustrazione nelle critiche. Vi spiego la mia situazione così facciamoci due risate. Sono una mamma francese di 32 anni con una bimba di un anno e mezzo, abbiamo anche a casa il suo fratello di 7 anni, a giorni alternati. Ho seguito il mio marito in Italia nella sua città perché voleva stare insieme al suo figlio. Non mi pento per niente, ma è comunque vero che le possibilità lavorative dove siamo sono inesistenti, anche se ho due Laurea e parlo quattro lingue. Ho fatto colloqui con delle proposte proprio allucinante (tirocinio di 40 ore a settimana per 500 al mese senza copertura sanitaria…) Faccio qualche lezione di francese e ho iniziato quest’anno un corso di estetista che non ho potuto finire: soffro di una malattia cronica molto invalidante e ho fatto letteralmente un “burn-out”. Un anno difficile insomma. Sono stata criticata per :aver lasciata mia bimba al nido; non ho allattato, essere troppo magra/curata (sono superficiale!) volere lavorare a tutti costi; lasciare troppo spesso nostra figlia al mio marito e chiedergli di fare le pulizie a casa. Quando torno in Francia, critiche diverse: non si fa di mollare la carriera per fare la casalinga, sono troppo attaccata alla mia figlia, ho tradito il femminismo… Io ho mollato e da oggi mando tutti fare i c…. suoi! Sono felice di leggervi e vedere altre donne che non sono cani arrabbiati e gelosi. Un gran bacio

    • Cela me fait bien de te lire car pour moi c’est exactement la même chose : maman poule en France et en Italie maman qui n’est pas une vraie maman à cause du travail et d’autres choses que tu connais bien (tu peux lire certains commentaires sur ce blog…). Au moins ça m’a appris à voir les choses différemment et, comme toi, à m’en ficher complètement. Bon courage à toi <3

  • Anche io sono lontana dalla famiglia e non ho aiuti fissi. Ma ho tanta voglia di tornare a lavorare dopo il congedo di maternità. Se ci sono donne che ce la fanno, ce la posso fare anch’io (o almeno ci proverò!). Grazie dei consigli. Un abbraccio dall’Inghilterra

  • Anche io vivo a Milano, anche io zero aiuti e anche io la penso esattamente come te perché anche io mi organizzo in questo modo. I figli si fanno in due e entrambi li gestiscono così come la casa deve essere organizzata e mantenuta da entrambi. Anche se non è per nulla facile e io arrivo alla fine dell’anno scolastico (i miei figli sono iscritti al centro estivo fino a fine luglio)che sono da buttare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.