Tuo figlio non dorme e tu lo stai viziando (ovvero: basta abituarlo)

bambino che non dorme

La scorsa settimana ho scritto un post dal titolo molto simile: tuo figlio non mangia e tu lo stai viziando. L’intento era di empatizzare, di dare conforto, a tutte quelle mamme che si trovano nella situazione in cui mi sono trovata io per anni, e cioè con un figlio che non mangia.

Cosa significa avere un figlio che non mangia?

Non significa no oggi i piselli non mi vanno. Un bambino che non mangia è capace di a: digiunare per giorni e giorni finché non gli dai qualcosa che gli piace b: farsi venire i conati se per caso insistete perché assaggi. Io ho provato per anni l’una e l’altra cosa, perché sostanzialmente pretendevo che facesse come dicevo io, e vi assicuro che non è bello. Finché non mi sono messa a viziarla (ovvero a cucinare per lei solo cose che sapevo che mangiava senza storie, cose semplici, pasta in bianco, cordon bleu, per lo più roba cruda tipo mozzarella, prosciutto cotto, pomodorini, cetrioli, finocchi, quindi sbattimento zero se non altro) e lei ha finalmente iniziato ad avere un rapporto normale col cibo e soprattutto i nostri pasti sono diventati piacevoli.

Mamme empatiche ne abbiamo? No.

Insomma, molte mamme hanno dovuto dire la loro, insistendo sul fatto che per forza non mangiano, li viziamo! Perché basta avere sane abitudini alimentari (e certo, è risaputo che io mangi di merda, ne ho scritto così tante volte! Peccato che ogni volta che ne scrivo mi si dica che sono bacchettona, mettetevi d’accordo). Perché basta auto-svezzarli (ho scritto anche di questo, l’ho fatto quando voi ancora non eravate genitori, probabilmente. Correva l’anno 2010). Perché basta insistere e non mollare! E certo, quando tuo figlio non mangia niente, ogni pasto è un delirio di pianti, urla, forzature.

Insomma, tutti bravi col culo degli altri, no? Fatto sta che io ho due figlie e una, educata allo stesso modo, ha sempre mangiato tanto e tutto. E che oggi, col mio metodo ti vizio così siamo tutti felici (madre di merda!) l’altra mia figlia di quasi 10 anni mangia sostanzialmente tutto, o almeno assaggia.

Però non è che ci sia solo il cibo, eh

Torniamo quindi alle mammine che hanno bisogno di dire che sbagliamo tutto “perché basta fare così“.

Allora, io ho due figlie, le due di cui sopra. Anno 2010 e anno 2012. Una è stata allattata esclusivamente al seno fino all’auto-svezzamento (con integrazione di biberon dai sei mesi), l’altra misto fin da subito. Una è stata 18 mesi con me soltanto, l’altra è stata 5 mesi e mezzo con me e la sorella, poi al nido tutto il giorno (dove è stata svezzata, praticamente) e io a lavorare.

Entrambe, ENTRAMBE, hanno iniziato a dormire TUTTA LA NOTTE a sei settimane.

SEI SETTIMANE.

Nella loro stanza.

Perché io sono brava, mica come voi che li viziate.

Se i vostri figli non dormono è perché li viziate!

Mia figlia maggiore, quella che non mangiava niente, sapete che faceva? Alle 21 era a dormire, alle 7-8 di svegliava, le davo il seno prima e il biberon poi e si riaddormentava fino alle 12. Senza uscire dal lettino, al massimo veniva nel lettone quando ancora la allattavo. Avevo individuato tutta una serie di stratagemmi per cui crollava stecchita e non si svegliava più, e mi sentivo la dea del sonno.

E badate bene: per tre mesi, tra i 4 e i 7, si svegliava ogni notte. Ma io sono una brava madre, mica come quelle che viziano, e sono riuscita a farla riabituare. Tzè.

Quando ho avuto la seconda tutti mi dicevano, ti è andata troppo bene con la prima, vedrai ora te le renderà tutte!

MA COL CAVOLO!

La mia pacifica seconda figlia non aveva bisogno nemmeno di stratagemmi. La mettevo nel lettino a occhi aperti, che fossimo usciti, che fossimo fuori, ovunque e comunque, e lei si addormentava per poi risvegliarsi la mattina dopo.

Basta dare il buon esempio, non lo sapete?

Sapete com’è, ho dato il buon esempio. A me piace tanto dormire, per questo le ho abituate bene. È semplice, no?

Se i vostri figli non dormono è sicuramente perché a voi non piace dormire, scommettiamo???

Per non parlare dei vizi, ah ah ah. Ve li mettete nel lettone, eh? Cosa? Sopravvivenza? Eh no, è così che si viziano i bambini e si danno le cattive abitudini, mi dispiace. Potete creare dei grossi problemi ai vostri figli.

Quindi niente, come è colpa mia se mia figlia non mangiava, è colpa vostra se i vostri figli non dormono.

E che devo dirvi, la ruota gira.

Attenzione però che ogni tanto schiaccia, eh!

(per le mie teorie sul sonno, vedere il post sulla verità sulla nanna. Ovviamente quello che ho scritto oggi è ironico: purtroppo esistono bambini che non dormono, come esistono bambini che non mangiano. Noi possiamo sicuramente metterci del nostro, migliorare o peggiorare certe cose, ma in alcuni casi si tratta solo di sopravvivere, assecondare con amore, e lasciar passare. Crescono, crescono tutti, e iniziano a dormire e a mangiare. Oppure smettono, quindi niente, state attente ad aprire bocca, si sa mai!).

More from 50sfumaturedimamma

I figli non sono solo delle madri, ma anche dei padri

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailSpesso si sente dire “mio marito mi aiuta“, “mio marito poverino...
Read More

10 Comments

  • Io sono dell’idea che siamo tutte mamme difettose per il semplice motivo che la perfezione non esiste. Si prova, si riprova, a volte si resiste, altre si cede, qualche volta si azzecca la soluzione, altre si sbaglia.
    Ho due bambini, ormai quasi ragazzi, e ho passato il non dormire, non mangiare, i capricci, i vizi, i non voler andare a scuola, il mangiare troppo, etc. etc.
    So di avere fatto mille sbagli, ma mi consolo con l’idea che tutto sommato non sono venuti su così male. Forse dovremmo solo imparare a vivere questi momenti con più leggerezza, ma quando lo capiamo, questi momenti sono già superati. 😉

  • Concordo… mia figlia era terribile per il dormire, le ho provate tutte, buone, cattive, buonissime e cattivissime….e olio di lavanda, e maglietta usata della mamma nel lettino, e tetta, e lettone, e ciuccio, e allora piangi e piango anch’io e ciao….
    Semplicemente non dormiva, non aveva né fame né sete né coliche.
    Il suo ciclo di sonno era di circa trenta/quaranta minuti al massimo e per lei era sufficiente. Dopo i detti quaranta minuti lei stava sveglia ore e ore e voleva giocare. Questo circa fino a 18 mesi. Poi miracolosamente ha iniziato a dormire due tre ore filate, adesso dorme tutta la notte ma comunque l’addormentamento richiede almeno un’ora e io dormo in cameretta con lei, da sola se si sveglia di notte e non mi trova lì hai voglia, altra ora ora e mezza per addormentarsi…se sono vicino a lei mi dà la mano e dorme subito.
    Prima o poi dormirà da sola, al momento ha tre anni e mezzo e io sono stremata quindi va bene così. Abbiamo trovato un equilibrio e almeno si dorme, chi non ha provato non può capire, è semplicemente allucinante…e quando racconto e mi fanno facce strane o compiacenti io veramente in realtà sono contenta per loro, perché vuol dire che i loro figli dormivano!

  • Il termine “viziare” è in malafede punto e basta. E chi si sente, dall’alto della sua esperienza o meno, di dire che i figli vanno regolati secondo idee universali su cibo, sonno, comportamento non ha capito una beata mazza. Non ha capito che probabilmente è stato fortunato, perché certe cose non hanno regole e vanno semplicemente calibrate rispetto alla personalità e al fisico del figlio che arriva, che non è un pupazzo ma un essere pensante.
    E basta che ciascuno di noi riporti la propria esperienza per avere empatia: prima figlia, non dormiva e non mangiava, ancora oggi a 14 anni è così ( il suo piatto preferito è la pasta in bianco), non ama la tv, il telefono lo guarda pochissimo, è una secchiona riservata e sportiva ossessiva; secondo figlio 10 anni dorme appena può, ad es appena entra in auto, e mangia di tutto, dall’impepata di cozze al fegato, è un nerd fissato con il cinema e le serie, socievole in modo fastidioso. E le persone che ho intorno sono così, hanno figli diversi per abitudini e stili che certamente non dipendono dall’educazione dei genitori in modo esclusivo, e sono anche stufa di sentire la frase ” li hai abituati male” , molto stufa, anche coi figli grandini.

  • Anche io ho due figli molto diversi tra loro, la prima da sempre sonno leggero e le bastano poche ore di riposo per svegliarsi pimpante, il secondo dorme da sempre da solo, al buio, nel silenzio e per dieci ore minimo! Anche col cibo molto diversi, la prima di piccola mangiata poco, niente, ora dieci anni, dobbiamo frenare la fame, il secondo al rovescio, di piccolo prendeva il cibo dal piatto degli altri, ora più diffidente. È così bello che ogni persona abbia una sua personalità, perché dobbiamo immaginare che i nostri figli siano come i Lego, vengano su come li costruiamo noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.