Coronavirus: passeggiata coi bambini? Lo dicono gli piscologi!

coronavirus passeggiata figli

Il Governo ha chiarito (non introdotto, sia chiaro) che una passeggiata con i bambini è possibile con le modalità che sono state precisate, ferme restando diverse ordinanze regionali e comunali (in Lombardia, ad esempio, il Governatore ha detto NO, in Campania anche, quindi verificate).

Eh, lo dicevano tanti psicologi, neuropsichiatri, pediatri! Mica solo i genitori!

Giusto, vero, avete ragione.

Perché gli specialisti dell’infanzia devono essere ascoltati dai genitori, avete davvero tanta ragione.

La sapete però una cosa?

Gli psicologi sono quelli che vi dicono che i bambini non devono essere mai oggetto di violenza fisica, nemmeno con uno schiaffo.

Quindi qui vi ricordo le vostre parole contro, perché si sa, che sarà mai uno schiaffo.

Ve le rinfresco meglio:

 

 

Altri commenti che dimostrino tutta la vostra stima nei confronti dei professionisti dell’infanzia che invitano alla non violenza?

Eccoli:

 

Bene.

E i pediatri?

I pediatri sono quelli che vanno ascoltati anche quando vi dicono che il passeggino a 3 anni non serve e che i bambini vanno educati a camminare. E chi li deve educare a camminare siete voi genitori.

Quindi qui, per onestà intellettuale e coerenza, vi ricordo i vostri commenti in cui insultate i pediatri (oltre a me, ma questa non sarebbe una novità e comunque non c’entra).

I pediatri sono quelli che vanno ascoltati quando vi dicono di vaccinare i vostri figli, sì tutti o quasi, sì, perché è la sola strada e sì, lo sostengono medici, pediatri e Organizzazione Mondiale della Sanità.

Quindi qui, sempre perché possiate vedere quanta stima avete del genere medico quando NON vi fa comodo, vi ricordo alcuni dei vostri commenti in cui lo tacciate di essere schiavo del nemico, assoldato a Big Pharma e ignorante (non come voi).

Gli psicologi sono quelli che vi dicono che è fondamentale il linguaggio usato con i bambini e che non si devono demolire né che si deve urlare loro contro.

Quindi qui vi ricordo tutta la stima che avete sempre dimostrato nei riguardi degli psicologi raccontando cosa dite ai figli.

I pediatri sono quelli che vi consigliano di far dimagrire i vostri bambini in sovrappeso.

Sì, i bambini possono essere in sovrappeso e anche obesi e no, quelle non sono ciccette sante, vanno fatte scendere a suon di corretta alimentazione.

Quindi qui, perché magari ve ne siete dimenticati, vi ricordo alcuni dei commenti sui pediatri che vi consigliano di fare i conti con le ciccette sante.

I neuropsichiatri, gli psicologi e i pediatri sono quelli che avvisano i genitori che gli schermi non sono una soluzione per rilassarvi perché il loro uso (sotto a una certa età) e il loro abuso (sopra una certa età) è devastante per i cervelli dei vostri figli.

Quindi qui vi ricorderei i vostri commenti, e pure qui magari, sempre che vi serva perché, quando si poteva uscire, i bambini lobotomizzati davanti agli schermi erano OVUNQUE.

Ecco, ora ditemi, cari genitori:

al netto di chi ha sempre fatto il massimo per seguire le indicazioni di chi si occupa di infanzia (e sono certa siate tanti)

è per la immensa stima nei confronti dei professionisti dell’infanzia (stima che per anni vi abbiamo visto elargire ovunque, avete notato?) che oggi riempite le vostre pagine Facebook di loro articoli sui danni da quarantena e sulla possibilità di evitarli con una passeggiata (in mezzo a città spettrali, persone con mascherina, ambulanze da cui scendono sanitari bardati e parchi transennati)?

O è forse perché non vi tenete più dalla voglia di avere una scusa per uscire?

Eccheccazz, la scusa ce l’ha chi ha un cane e io con un figlio no?

Bene, ora andate e riempite le strade travisando le indicazioni del Governo e inneggiando agli psicologi, ai pediatri e ai neuropsichiatri che avete sempre stimato: avete visto quanto?

More from 50sfumaturedimamma

10 cose che non vi dicono al corso pre-parto

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailMolte di noi future mamme frequentano il corso pre-parto. Quel corso...
Read More

7 Comments

  • Secondo me, come in tutte le cose, non bisognerebbe fare di tutta l’erba un fascio e, parlando per utopie, bisognerebbe avere tutti un po di sale in zucca. Cosa che purtroppo non accade, tutti presi a puntare il dito gli uno contro gli altri, convinti di essere i più bravi e irreprensibili, salvo poi non accorgersi di far di peggio.
    Per quel che posso vedere io, almeno sui social o simili, la situazione coronavirus sta tirando fuori il PEGGIO delle persone, con l’aggravante che tali persone sono chiuse in casa in quarantena.
    Nessuno sta imparando da questa situazione e lo si capisce dai numerosi attacchi al vetriolo rivolti indistintamente a chi corre lungo i Navigli e a chi mette semplicemente il naso fuori dalla portafinestra del balcone di casa (intanto per fare un esempio si intende, ma ne potrei fare molti altri), spinti al punto da augurare la morte agli stessi. Ma allora in cosa siete meglio della persona che state criticando, mi domando io?
    Dietro molti commenti io vedo tanto egoismo mascherato da altruismo. Mi space dirlo, ma questa è la mia opinione nonché la mia visione delle cose in questo momento. L’umo non cambierà mai e non sarà certo una epidemia a farlo cambiare.

  • Qui non si tratta di egoismo o altriusmo, qui si tratta DI NON AMMALARSI !!! Mai come in queste settimane ho visto gente con le tutine fosforescenti nuove nuove mettersi a correre per l’isolato…..ma se non avete mai corso fino ad oggi ( perche’ non vi ho MAI visto e abitiamo tutti qui da annai) , possibile che adesso non sappiate STARE IN CASA ?? Ok, degli altri ve ne fregate, se si ammaleranno cavoli loro, ma non avete paura anche per voi ???? Quando insistete a voler portare fuori il bambino ( perche’ non avete piu’ voglia di giocarci in casa, siete stufi), non pensate che potrebbe infettarsi ?? Il problema e’ che la gente NON RAGIONA PIU’, l’importante e’ non annoiarsi.

  • Ecco appunto… vedo che mi sono spiegata….. 🤦🏽‍♀️
    L’importante è NON ANNOIARSI è eccessivo, non credo che sia questo il punto e non credo che sia nemmeno questo quello di cui stiamo parlando….. l’esempio morigerato (per carità) di quel che stavo dicendo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.