Come fare il cambio dell’armadio velocemente

cambio dell'armadio

Il cambio dell’armadio sembra essere una prova insormontabile per la maggior parte delle donne, che si accollano il proprio, quello dei figli e a volte, orrore, pure quello dei compagni. Ma il cambio dell’armadio è davvero un lavorone che porta via giornate intere, una specie di dovere rimandato per settimane finché non è quasi tempo di rifarlo di nuovo? Vediamo come fare un cambio dell’armadio veloce e efficace senza perdere troppo tempo.

Chi fa il cambio dell’armadio?

Il cambio dell’armadio riguarda tutte quelle famiglie e persone che non hanno lo spazio necessario per contenere tutti i vestiti “a vista”, e che quindi sono obbligate a riporle in scatole o altri contenitori. Sappiate però che, per esempio, sarebbe sempre meglio mettere via i capi invernali proteggendoli per evitare che le tarme li infestino.

Quando fare il cambio dell’armadio

Il cambio dell’armadio dovrebbe essere fatto due volte l’anno: quando la primavera è ormai inoltrata e quindi le temperature miti e calde sono stabili, e quando arriva il primo freddo, verso fine settembre/inizio ottobre (ovviamente cambia dal luogo in cui si vive!). Per quanto riguarda invece il giorno in cui farlo, il consiglio è di approfittarne nel weekend, per poter eventualmente avere il tempo di lavare/stirare quello che serve, o di riporlo per portarlo in lavanderia. Chi ha tempo libero in settimana, che ne approfitti!

Come fare il cambio dell’armadio

Prima di tutto, se non l’avete mai fatto è arrivato il momento di fare un bel decluttering: vi prenderà molto tempo, probabilmente, la prima volta, ma ne gioverete al prossimo cambio dell’armadio. Su come fare un decluttering vi rimandiamo all’articolo apposito, ma ricordatevi che è fondamentale, per guadagnare spazio, essere spietati. Via tutti i capi che non mettete mai, anche quelli che “ma magari dimagrisco, ma questo mi piaceva, questo non l’ho mai messo”. Non fatevi scrupoli, vi ringrazierete al prossimo cambio di stagione e vi dimenticherete in fretta di tutti quegli abiti che vi occupavano inutilmente spazio.

Iniziate quindi tirando fuori i capi della stagione a venire, quelli che dovrete sistemare nell’armadio. Metteteli tutti sul letto per fare – più velocemente possibile – la cernita. Poi lasciate da parte quelli che tenete.

Se non lo facevate prima, usate delle scatole di stoffa come quelle di Ikea (verificate la dimensione in base allo spazio in cui le riporrete) per riporre i vestiti da mettere via. Iniziate quindi da quello che avete già piegato, jeans, magliette, e sistemateli ordinatamente nelle scatole. Passate ai maglioni, che chiuderete possibilmente negli appositi sacchi di plastica. Terminate poi con le cose appese: gonne, abiti, camicie. All’interno delle scatole riponete dei sacchetti profumati, così i vostri abiti avranno ancora un buon odore tra sei mesi. Ricordatevi, mentre fate tutto questo, di selezionare senza scrupolo ciò che non usate più e di non metterlo nelle scatole. Regalate alle associazioni, alla parrocchia, oppure vendete online se sono capi che meritano.

Adesso che vi siete liberate della stagione passata, non vi resta che sistemare la roba nuova. Pulite velocemente l’armadio per dare una rinfrescata e cominciate a riporre la roba. Ci sta che qualcosa abbia bisogno di una stirata, in particolare se si tratta della stagione estiva: non rimandate, fatelo subito, inutile riporre qualcosa nell’armadio tutto stropicciato, non lo metterete mai per la pigrizia di doverlo stirare prima di metterlo. Oppure, in alternativa, lasciate da parte con la roba da stirare, a patto di farlo prima o poi!

Il cambio di stagione delle scarpe

Anche le scarpe a volte hanno bisogno di un cambio di stagione: la soluzione migliore sarebbe avere una scarpiera che le contenga tutte, ma se così non fosse pulite velocemente le scarpe da mettere via (date un’occhiata alle suole: se sono sporchissime date una pulita e se sono rovinate mettetele da parte per portarle a riparare, così potrete utilizzarle subito al nuovo cambio), poi riponetele in scatole di plastica della dovuta dimensione, se non avete le loro scatole.

Il cambio di stagione dei cappotti

Il cambio di armadio dei cappotti è molto personale perché dipende da dove tenete i cappotti. Se sono chiusi in un armadio, il consiglio è di tenerli sempre divisi per tipologia (se avete due ante, per esempio, di occuparne una con quelli di lana, i piumini e i parka, un ‘altra con quelli più leggeri, da mezza stagione, le giacche, spolverini). Ricordatevi comunque che sarebbe meglio mantenere sempre i cappotti di lana nelle custodie e che andrebbero rinfrescati in lavanderia a fine stagione.

Il cambio degli armadi dei figli

Il cambio dell’armadio dei bambini sembra una specie di tragedia che coglie ogni madre (sempre lei) ad ogni stagione. Dedicheremo un articolo apposito al tema, ma in linea di massima valgono le stesse regole. È fondamentale  però verificare che gli abiti della passata stagione stiano ancora, altrimenti è inutile metterli via (a meno che non abbiate un secondo figlio a cui possono andare, o un terzo, o prevediate di farne, allora può avere un senso).

Ricapitolando, il cambio dell’armadio può essere velocissimo a patto che rispettiate determinate regole: fare decluttering (pesante la prima volta, regolare poi), riporre le cose in maniera ordinata, non perdervi dietro inutili ripensamenti.

E voi, avete già fatto il cambio dell’armadio?

More from 50sfumaturedimamma

Il tuo bambino sogna di volare?

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailDa bambina avevo tanti sogni, come tutti i bambini. Alcuni li...
Read More

1 Comment

  • Io ho pochissime cose, mio marito pure…quindi per il cambio impiego davvero poco tempo. Cambio di mia figlia pure, tolgo tutti i vestiti da cassetti e armadio, senza pietà metto da parte quelli rovinati o macchiati, gli altri li metto in una borsa per una bimba più piccola, e tolgo dalle borse quelli di taglia giusta (tutti regalati, salvo qualche cosa che acquisto io se serve). Va detto che quando hai figli piccoli arrivano vestiti da ogni lato…quindi io mi regolo così:
    Appena arrivano, li guardo tutti e scarto quello che non mi interessa.
    Dopodiché li lavo tutti, e una volta asciutti e puliti li ripongo in scatole o borse divisi per taglia e tipi (esempio, estate taglia 5, inverno taglia 6). In questo modo tiro fuori solo la scatola corrispondente e soprattutto evito di riempire il mio già striminzito armadio con cose che non userà mai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.