Come organizzare il frigorifero e conservare al meglio gli alimenti

come organizzare frigorifero

Non so voi, ma io non avevo un’idea precisa di come riempire ed organizzare il frigorifero.
In genere il mio stile è sempre stato: faccio la spesa, arrivo a casa, svuoto le buste e riempio il frigorifero in base a ciò che mi capita in mano senza preoccuparmi di quale sia la posizione migliore o come riporlo.
Il risultato è sempre stato un tetris di alimenti, che ogni tanto persino crollano disastrosamente quando apro il frigo.

Ho capito che questa non è assolutamente la soluzione migliore e che dovevo porvi rimedio.
Anche per evitare di trovarmi frutta o verdura andata a male solo perché nascosta dietro ad altro o perché lasciata in busta.

Dopo essermi fatta una cultura, potrei ora definirmi un’esperta di come organizzare il frigorifero.

Come organizzare il frigorifero: dove disporre gli alimenti

Il principio da seguire per organizzare al meglio il proprio frigorifero è il calore.

Mi spiego meglio: la parte più alta del frigorifero è meno fredda rispetto al ripiano più basso, questo perché il calore tende comunque sempre verso l’alto.

Perciò, anche se stiamo parlando di un frigorifero e quindi un elettrodomestico che “crea il freddo” al suo interno c’è una differenza di temperatura da tenere in considerazione quando riponiamo i nostri alimenti.

Parliamo quindi, nello specifico, della disposizione degli alimenti:

  • Nei ripiani superiori vanno conservati latte, panna, formaggi a pasta dura e yogurt, il pesce (previamente pulito).
  • Scendendo nei ripiani intermedi è bene posizionare i formaggi freschi, i salumi (meglio se avvolti in carta di alluminio e posti in un contenitore a chiusura ermetica), salse e dolci.
    In generale, adottate come regola quella di riporre in questi ripiani gli alimenti che riportano sull’etichetta l’indicazione “dopo l’apertura conservare in frigorifero”.
    Inoltre riponete nei ripiani intermedi anche alimenti cotti e avanzati (ma solo una volta che si sono raffreddati).
    E per finire le carni crude, ma attenzione prima toglietele dal loro involucro e poggiatele su un piatto o in una bacinella, possibilmente sopra una gratella così da lasciare defluire l’eventuale liquido.
  • Sul ripiano inferiore mettiamo i formaggi stagionati, le verdure e la frutta lavate e ben asciugate.
    Un consiglio: l’insalata è meglio conservarla in un sacchetto di plastica.
    Per la verdura e la frutta sfruttate i cassetti di cui è dotato il frigorifero.
  • Nello sportello del frigorifero, vanno riposte le uova, nel loro spazio apposito con la punta rivolta verso il basso e possibilmente andrebbero lasciate nel loro contenitore per evitare contatti con altri alimenti; e per finire il burro, le bottiglie e i condimenti.

Cosa non conservare in frigorifero

Finora abbiamo parlato di alimenti che vanno conservati in frigorifero.
Ce ne sono alcuni, però che non vi andrebbero riposti.

Per esempio i pomodori tendono a perdere il loro sapore, così come le patate, le cipolle, l’aglio.
Meglio conservarli in un luogo fresco e asciutto.

Le banane invece tendono a diventare nere se restano al freddo.
E per finire il miele cristallizza se lasciato in frigorifero.

Organizzare il frigorifero

Infine qualche piccolo consiglio per un funzionamento ottimale del frigorifero:

  • non lasciate aperta la porta e non riempite eccessivamente il vostro frigorifero: eviterete uno spreco di energia oltre al fatto che alcuni cibi potrebbero andare a male prima che li consumiate;
  • non mettere a contatto cibi da consumare previa cottura con cibi da consumare crudi,
  • riponete gli avanzi in frigo solo dopo che si sono raffreddati e meglio se all’interno di contenitori adatti.

E per finire, qualche consiglio su come pulire il frigorifero e non solo

e un libro sull’organizzazione del frigorifero, sì, ma in generale sull’organizzazione e sull’ottimizzazione della casa: La casa leggera  di Erika Grazia Lombardo

Eitchette adesive
More from 50sfumaturedimamma

Asilo nido o nonni?

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailAsilo nido o nonni? E’ una domanda che ci facciamo in...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.