Ricominciare con positività: il potere di un sì

fruittella il potere di un sì

È ricominciata la scuola, la routine è ripresa, le attività extrascolastiche via via stanno ripartendo.

E con la ripresa della vita quotidiana, non so voi, ma io sento anche riavvicinarsi la solita dose di stress e di malumori che accompagna la quotidianità nel rapporto con i figli: 

hai fatto i compiti? 

Forza che tra poco inizia la lezione di inglese! 

Hai preparato la borsa di calcio? 

Hai finito di studiare tedesco? 

A che punto sei con la lezione di chitarra?

Presto che è tardi! (?!)

Sono certa che avete presente la realtà di cui parlo.

Quanto vorremmo tutti non cadere ancora in questo vortice di negatività e riuscire invece a gestire in modo più sereno il rapporto con i nostri ragazzi? 

Come possiamo cercare di non farci travolgere dal nervosismo e dagli eventi e portare avanti il proposito di avere una relazione positiva con i nostri figli?

Possiamo provare a puntare sull’educazione positiva e utilizzare il potere di un sì.

Certo, dire no è importante, fondamentale, aiuta i bambini a crescere, stabilisce dei chiari confini e dà loro dei paletti necessari, ma dal dire i no che sono utili, al dire no per abitudine e comodità è un attimo, e ne abbiamo parlato tante volte. 

Quanti no diciamo in un giorno senza che siano davvero indispensabili o almeno opportuni, come fosse invece una risposta automatica? 

Perché si sa, una volta detto no, a dire poi un sì, si fa sempre tempo! 

E un no, male non fa e rimette sempre i figli al loro posto, vero?

E invece il no va dosato, almeno tanto quanto il sì.

Il no inserisce una barriera, spezza un flusso relazionale, spegne un sorriso, mina la spontaneità, crea un conflitto. Tutto questo a volte è difficile e necessario: i no sono importanti, i bambini ne hanno disperatamente bisogno, i ragazzi ancora di più, e poi… E poi noi stessi siamo stati cresciuti a suon di no imparando che il no è la via maestra per la disciplina.

Solo che poi finisce che il no diventa un riflesso incondizionato e il suo valore educativo si azzera.

E in più crea conflitto e tensioni inutili.

Senza contare che quando diventa un sì per sfinimento, ci fa anche perdere in credibilità e autorevolezza.

 E allora?

 

fruittella senza gelatina animale

 E allora impariamo a dosarli questi no e impariamo ad usare anche l’educazione positiva e il potere di un sì.

Su questi temi Fruittella ci invita a riflettere da qualche anno e più che mai in un momento come quello della ripresa della scuola e delle attività diventa importante farlo.

In questo periodo di collaborazione con Fruittella ho imparato a prendere coscienza dei no necessari e del potere di un sì, ho imparato a riconoscere distintamente i no inutili: mi capita ancora di dirne, non crediate! ma li riconosco come insensati nel momento stesso in cui li esterno, riuscendo così, almeno ogni tanto, a correggere il tiro.

Ho via via lavorato su me stessa e ho cercato di creare momenti sì con i miei figli: 

Leonardo, ad esempio mi chiede spesso di cucinare insieme e ho imparato a non respingere l’invito per fretta o praticità, ma ad accoglierlo quando appena appena posso farlo. Sì, anche se poi lascia un gran disastro!

Certo non sempre è possibile, ma almeno ho imparato a non dire sempre no, ma a valutare a seconda del momento e della situazione.

E così abbiamo preparato dei piattini mica male!

Qualche giorno fa, proprio per aiutare la ripresa della routine col sorriso, ho detto sì ad un’intera giornata dedicata a lui da trascorrere facendo shopping nel suo centro commerciale preferito, con pranzetto a due in un ristorante che io non amo particolarmente, ma lui sì.

È stato bello per entrambi, devo dire… E lo ha ben predisposto al rientro a scuola.

La verità è che è complicato, ma in fondo dobbiamo prenderci un attimo, decidere che battaglie combattere, che obiettivi vogliamo raggiungere, che persone vogliamo che diventino i nostri figli e che genitori vogliamo essere noi: dobbiamo essere genitori (e persone) consapevoli.  

 

fruittella senza gelatina animale

 

Tutto poi verrà da sé.

Alle richieste non rispondiamo con un automatico “NO”, ma riflettiamo: 

vedrete che sarà sufficiente per imparare a dosare i no e i sì e per capire che potere ha un sì se viene detto al momento opportuno.

Diciamo sì a tutto quello che è passare del tempo insieme, al creare ricordi che per i figli (ma anche per noi!) saranno importanti, diciamo sì a una cosa a cui i nostri figli tengono tanto e a cui magari abbiamo sempre detto no solo per pigrizia o chiusura mentale.

Diciamo sì al fare i compiti insieme con pazienza, senza che diventi un conflitto: troviamo il modo, l’adulto siamo noi.

Diciamo sì alla merenda fuori, alla passeggiata al parco anche se è tardi o siamo stanchi, diciamo sì alla caramella in più: magari scegliamola meglio e optiamo per le Fruittella con succo di frutta e senza coloranti artificiali.

 Impegniamoci noi per primi perché quello che stiamo vivendo possa essere un ritorno a scuola e alle attività quotidiane il più possibile sereno.

 E che sia un anno positivo per tutti!

 

Post in collaborazione con Fruittella

#ilpoterediunsi #fruittella

Tags from the story
More from 50sfumaturedimamma

Come non fare tutto ed essere felici

Share this...FacebookPinterestTwitterLinkedinemailEssere donna significa molto spesso dover fare il doppio nella vita,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.